Archivio per la categoria "news"

Alla forteguerriana di Pistoia un convegno sul futuro del libro e delle biblioteche

(15-02-2012 - romanzieri in news. 0 commenti)

Sabato 18 febbraio, alle 16.30, nella Sala Gatteschi della biblioteca Forteguerriana di Pistoia si terra’ l’appuntamento ‘Alfabeti della memoria. Linguaggi del libro e linguaggi della biblioteca tra passato e futuro’ con Maurizio Vivarelli, per parlare del futuro del libro e delle biblioteche.
Vivarelli e’ professore associato di Biblioteconomia e Bibliografia all’Universita’ di Torino. Dal 1999 al 2007 e’ stato direttore delle biblioteche Forteguerriana e San Giorgio e dirigente delle attivita’ culturali del Comune di Pistoia. Il professore aprira’ il ciclo di incontri I nuovi linguaggi del sapere, organizzati dall’associazione Amici della Forteguerriana in collaborazione con il Comune e che verranno coordinati da Nilo Benedetti dell’associazione Amici della Forteguerriana. Come leggeremo e come scriveremo con lo sviluppo dei nuovi strumenti di lettura e di scrittura? E’ gia’ cambiato il nostro tempo dedicato alla lettura e alla scrittura? Qual e’ il futuro del libro? Sono queste alcune delle domande alle quali rispondera’ Vivarelli.

Addio a Perla Cacciaguerra, creò il museo della poesia

(15-02-2012 - romanzieri in news. 0 commenti)

La scrittrice Perla Cacciaguerra, creatrice del Museo della Poesia e lei stessa poetessa, e’ morta all’eta’ di 86 anni nella sua fattoria della Contea di Cesa, nel comune di Marciano della Chiana (Arezzo). Dopo aver scritto e pubblicato versi per mezzo secolo, nel 2000 inauguro’ ilMuseo della Poesia, allestito nei locali della cripta dell’antica chiesa di Santa Lucia, ricostruita nel XVI secolo sulle rovine di quella distrutta intorno al 1200, proprieta’ del vescovo di Arezzo, acquistata ai primi del ’900 dal conte Cacciaguerra, padre di Perla, per farci la cantina della fattoria. Il museo era una sorta di cenacolo anche per mostre, incontri culturali, convegni e spettacoli.

Pirateria ebook, chiuso library.nu

(15-02-2012 - romanzieri in news. 0 commenti)

“L’industria internazionale del libro ha dimostrato che continua a resistere contro la criminalita’ organizzata che attenta al copyright- ha spiegato Jens Bammel, segretario generale dell’Associazione internazionale degli editori -. Non tollereremo scrocconi che realizzano profitti ingiustificati, privando gli autori e gli editori di quanto loro dovuto. Questo e’ un passo importante verso un commercio piu’ trasparente, onesto e leale dei contenuti digitali in Internet”.
“E’ un colpo netto contro la pirateria degli ebook su internet – ha spiegato il presidente di AIE Marco Polillo -: questo era senza dubbio il maggior sito pirata esclusivamente dedicato ai libri e quindi l’operazione ha oggi per noi la stessa portata della chiusura di Megavideo e Megaupload per il mondo dei film”. E questo e’ ancor piu’ vero dal momento che sul sito erano scaricabili oltre quattromila titoli in italiano.

Amanda Knox, guerra tra editori per i diritti sul suo diario dal carcere

(14-02-2012 - romanzieri in news. 0 commenti)

E’ guerra tra le case editrici americane per accaparrarsi i diritti sulle ‘memorie dal carcere’ di Amanda Knox, contro la cui assoluzione proprio oggi c’è stato il ricorso in Cassazione.
Amanda dovrebbe portare a casa almeno 600.000 dollari. Le piu’ importanti case editrici a stelle e strisce – tra cui Simon & Shuster, Random House, Penguin e HarperCollins – si stanno infatti dando battaglia per ottenere i diritti sul libro che racconta i suoi quattro anni dietro le sbarre.
Secondo quanto riportato dal New York Times, l’agente di Amanda Robert Barnett, che ha gia’ negoziato accordi per le memorie di personaggi del calibro di Barack Obama, Bill Clinton e George W. Bush, ha dichiarato che lui e la cliente stanno incontrando editori e agenti pubblicitari.
“Tutti si innamorano di lei”, ha detto un dipendente di una casa editrice dopo aver parlato con la Knox. “E soprattutto – ha aggiunto – tutto il mondo ha parlato di questa vicenda, ma nessuno ha sentito cos’ha da dire Amanda”.

Alzheimer, il vecchio re nel suo esilio

(14-02-2012 - romanzieri in news. 0 commenti)

Sarà presentato domani «Il vecchio re nel suo esilio», romanzo edito da Bompiani dell’autore tedesco Arno Geiger. Il libro affronta il tema dell’Alzheimer e ha già avuto grande successo in Germania. A presentarlo, insieme all’autore, Isabella Bossi Fedrigotti e Antonio Guaita alle 18 al Circolo Filologico Milanese di Via Clerici 10. La storia «è il viaggio che un figlio intraprende per conoscere meglio il padre malato di Alzheimer. Ma non solo: è la saga di una famiglia che la malattia cambia profondamente», spiega Gabriella Salvini Porro, Presidente Federazione Alzheimer Italia che introddurrà l’incontro di domani. Per i prossimi tre mesi inoltre la casa editrice Bompiani devolverà 2 euro alla Federazione Alzheimer Italia per ogni copia del romanzo acquistata on line.

Festival di Sanremo con delitto

(14-02-2012 - romanzieri in news. 0 commenti)

Un successo inaspettato per l’esordio letterario di Enzo Ghinazzi in arte Pupo, cantante, conduttore tv e ora anche scrittore. Il suo primo romanzo infatti, edito da Rizzoli, un thriller a metà strada tra il giallo e il noir, dopo soli quattro giorni è già alla prima ristampa.
Ambientato a Sanremo e ispirato alla realtà del Festival, il romanzo sviluppa, pagina dopo pagina, una vita propria, mischiando alla realtà una trama di fantasia dal colore a tratti giallo a tratti noir, con un risultato sorprendente: un thriller vero, appassionante, e dal finale shock. Tutto parte dalla scoperta di un cadavere e dalla ricostruzione appassionante delle situazioni che coinvolgono Sanremo, il Festival e il dietro le quinte del mondo dello spettacolo.

La sinistra è come mia zia

(14-02-2012 - romanzieri in news. 0 commenti)

Mi sono chiesto per giorni perché tutti mi dicono che The Artist è un film bellissimo. Vince premi in tutto il mondo, e il suo protagonista raccoglie consensi e simpatia. Poi, la settimana scorsa, Jonathan Franzen ha detto con convinzione serena che l’ebook è un danno per la società, e noi siamo ostaggi dei nostri iPhone. Poiché Franzen è uno scrittore grandissimo (anche se il fatto che da qualche anno vada sulle montagne a guardare per ore gli uccelli, mi ha parecchio insospettito), e poiché dice le identiche cose che dice mia zia che ha più di ottant’anni (anche mia zia è una persona colta e intelligente), ho capito perché piace tanto The Artist, sia a mia zia sia (probabilmente) a Franzen. Vale a dire, sia al ceto medio riflessivo di sinistra, sia agli intellettuali più sostanziosi che lo rappresentano… Francesco Piccolo sul Corsera