Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2006
domlunmarmergiovensab
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201723

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Chiara Daino, Fuori dal coro e fuori dai denti

“Il dolce e il salato: non saprei trovarle un difetto”. Mi avevi miniata. Così: era la prima seduta terapeutica di gruppo. Esimio dottore, è quello il mio difetto principale: il dolce e il salato. L’Ossimoro, il Glifo.

Madame de Staël, grande assente dal tuo harem privato, avvertiva che “l’amore è tutta la storia della vita di una donna, un episodio soltanto in quella dell’uomo”: ricorda il mio episodio come abominevole, cancellalo, vanne fiero, cazzi tuoi!
Da adesso in poi, segui la tua strada, ma lontana da quella che batto io. Io che mi batto il petto: mea culpa. Quando non è colpa mia? Ognuno è artefice del proprio destino e libero arbitrio. Mea culpa. Anni di colpa e sensi di colpa. Sì! Lo confesso: spreco la mia gioventù, brucio il mio avvenire. Sì! Insulto ogni bambino del Biafra, odiando il cibo. S! Mea culpa. Sono un affronto per ogni torturato in Lager o Gulag, per l’aspetto – da deportata – senza l’esperienza. Sì! Offendo Dio, per non gioire dei privilegi avuti. Sì! Sono la maledizione dei miei genitori. Sì! Mea culpa. Sì! Ho incoraggiato io, con un “inconscio e subdolo uso dello sguardo” (mi è stato detto: “per il tuo bene”), falli arrapati a schizzare/svuotarmi. Sì! Sono colpevole e traghetterò sensi di colpa e senso di liberazione per ogni purga assunta, per tutto il vomito indotto. Per ogni sbaglio, per ogni sigaretta, e Sì!

***

“I baci baci sono sfociati in un fuggi fuggi, convinto che volessi qualcosa da lui, che non poteva – e non voleva! – darmi. Inoltre Bigòn ha decretato che il mio pensiero non procede per algoritmi: quindi non sarò mai normale: beato lui che lo è, ragionando per algoritmi, procedendo per teoremi, copulando per sequenze (matematiche)” ringhò Jenny, tracannando. “Devo ringraziare un ingegnere se ho una casa, devo ringraziare Dio che non ho un ingegnere in casa.”
Rum liscio. L’umore è alto, e il capitano coraggioso.

***

“Sperma passato non macina più. Spero vi siate divertiti. Vi voglio bene. Ora tornate da mogli presenti e mariti futuri, io devo fare un tuffo nel passato: mi aspetta mio padre per festeggiare e poi mia madre per rifesteggiare… Ingrasserò di due taglie, quando avrò finito tutti i tagli di torta!” sorrise, Jenny, abbracciandoli. La sua tranquillità emanava una luce inquietante: era davvero cresciuta e matura a tal punto da non esternare? Nessuna sfuriata? Strana lo era nel dna, quella massacrata d.c.a. Probabilmente era davvero troppo stanca per innervosirsi: rassicurati, Gian e Sara, coppia di Giuda, stamparono baci incerti su Zigomi Appuntiti. Silenzio. Quello che Jenny aspettava: nessun’altra anima viva. Unica compagnia: sangue furente, furioso. Rottura degli argini di una diga improvvisata: Jenny rovesciò il tavolo, e l’ennesimo turbine d’acqua pulita su quella sporca esistenza. Un’altra crisi bulimica – abominevole – e Jenny si accese una sigaretta. Un’altra. L’ultima.

(da La Merca; Fara editore, Rimini 2006, editing a cura di Massimo Sannelli)

# Pubblicato da Massimo Sannelli in letteratura ~ 27.10.06 10:19 permalink