Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201705

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Un sito-rivista: L'Attenzione

L’Attenzione è una nuova rivista letteraria che nasce come spazio nella Rete delle Reti ma indirizzata alla creazione di uno spazio umano per una rinata responsabilità di lettura della realtà attraverso molteplici mezzi di condivisione. Due i problemi cruciali da cui parte: l’eticità dell’arte e il ruolo della cultura, e quindi delle tradizioni e delle radici europee, nell’attuale vita intellettuale e sociale.

Nell’era della dispersione informativa globale, delle forzature massmediatiche e dell’oligopolio editoriale, muoviamo i primi passi per tentare di guarire la frammentazione dell’odierno dibattito letterario e culturale tanto quanto per dismetterne l’autoreferenzialità. La rivista è stata fondata da Rivista fondata da Fabiano Alborghetti - Fabrizio Centofanti - Marco Guzzi - Gian Ruggero Manzoni - Massimo Orgiazzi - Antonella Pizzo - Alessandro Ramberti - Massimo Sannelli. Questo è il primo editoriale, e manifesto redazionale:

LA PROMESSA DELL’ATTENZIONE

Le quantità si contendono lo spazio.
Le qualità si completano a vicenda.
(Dietrich Bonhoeffer)

Partiamo e facciamo spazio. Facciamo uno spazio nella Rete delle Reti, ma con la promessa che tenteremo di farne l’immagine di uno spazio dentro, fuori e specialmente tra noi. Facciamo una rivista on-line, con lo stesso nome di quella progettata e mai creata da Cristina Campo che si appoggiava ad una visione di Simone Weil e diamole un compito, una missione ambiziosa. Guarire una malattia. Un’anemia della nostra storia culturale che si manifesta senza pallore, ma che anzi predilige i colori forti e come sintomi la dimenticanza, l’anestetizzazione e la perdita di sensibilità il cui decorso porta al narcisismo, all’autoreferenzialità e all’isolamento che rendono il dibattito culturale una discussione sciolta in mille rivoli, il confronto artistico un’utopia, le lettere e l’arte un vociare spezzato in mille piccole realtà medievali, di gruppo, di partito, di confraternita. La rincorsa è mille volte verso il potere, l’appezzamento in luce, verso la frazione infinitesima di riflettore che ancora è riservata a pochi per poco tempo.
Diamo allora alla rivista appena nata una domanda cui tentare una risposta. A cosa serve ancora la cultura occidentale oggi? A cosa la nostra tradizione, la letteratura, il pensiero intellettuale, filosofico e politico? A cosa la nostra fede nei valori e nello Spirito, la nostra Religione?
Religio ha due etimologie che facciamo nostre per la cura dell’anemia: quella di legare assieme, unire, rapportare persone e idee e anche quella di re-lègere, guardare con attenzione, aver cura. Usare scrupolosa attenzione, cura diligente e rigore sui testi e per i testi diventano allora il nostro intento e la nostra promessa. Per recuperare dei valori. Non per applicare un conservatorismo a senso unico, ma per scrivere e leggere integrando quanto di storicamente nostro è doveroso mettere nel presente e, se possibile, anche nel futuro. Per essere autenticamente umanità attraverso un radicale rinnovamento della tradizione, una cata-strophè che d’altronde, a nostro avviso, è già da tempo cominciata.
Vogliamo cercare di capire se le lettere possano essere qualcosa intorno a cui uomini e donne si raccolgono con i loro valori per condividerli, per guardare la società e il mondo nel suo respiro più genuinamente globale, perché nato da un “locale” che pensa, discute e scambia. In questo senso noi sentiamo fortemente l'eticità della vita intellettuale, il suo essere spazio di civiltà e incontro, per mettere in rapporto il poetico (la creatività), il politico (la pólis e la relazionalità sociale) e lo spirituale (ovvero l’orizzonte del senso). Ciò che ci proponiamo di cercare, leggere e analizzare dedicando spazio primario alla critica, non è solo letteratura, non è solo poesia. È tutto ciò in cui si estrinseca il senso critico nei confronti della realtà. Sono le forme artistiche e le testimonianze del sentire umano in cui si manifesta quel disagio apparentemente insanabile che domina a colpi di emergenze e forzature massmediatiche.
Con questo marchio, quello di una risposta sempre più consapevole al silenzio del rumore di fondo, vorremmo far uscire alla luce del sole ciò che oggi non ha voce né mercato.
Proponiamo un approccio onesto alla realtà, cercando di riappropriarci della sua urgenza cominciando dal poco, da quanto ci rimane in mano quotidianamente e a cui vogliamo prestare attenzione, convinti che il piccolo possa contenere il grande, contro la dispersione dei media, contro la perdita di importanza dell’informazione e contro l’apparire omologante della società dei reality show. Vogliamo interrogarci sulla natura della creazione artistica, da dove emerga oggi, e se sia riflesso condizionato dall’inconsapevolezza che il dire è sempre una risposta al silenzio.
Vogliamo interrogarci sulla necessità delle forme artistiche e sul rischio della vacuità di spirito e di valori.
Vogliamo percorrere questa via a partire dal poco cui prestare attenzione, se necessario disimparando a leggere come il protagonista del racconto di Calvino, non per rifiutare, ma per ri-apprendere e in ultimo comunicare, unire, relazionare: per tentare l’uscita dall’autoreferenzialità della letteratura e della creatività culturale che parla solamente di se stessa e riproporla come modalità di autentica civiltà. E concorrere, per quanto possibile, alla guarigione della società odierna.

# Pubblicato da Massimo Sannelli in risorse web ~ 01.09.06 09:20 permalink