Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
3007201423

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Mostra "Memorie della terra" presso "La Nube di Oort"

Il giorno 20 Giugno 2006 si inaugura, a Roma alle 18,30, presso l’associazione
culturale “La Nube di Oort” in Via Principe Eugenio 60, la mostra di Gulia e Karolina Lusikova, dal titolo : “Memorie della Terra”.
Per l’occasione saranno presentate le ultime fantasiose creazioni realizzate in
terracotta policroma e dipinti accompagnati da un catalogo con un testo di
Paolo Aita: "Quando guardiamo attentamente un oggetto d’arte possiamo vedere le piccole grandi cascate di materia di cui e’ composto. Queste possono essere spente, con ogni passione sedata, oppure possono essere luminescenti, brillanti di riflessi, dentro i quali il suo mondo, che normalmente si nasconde, si apre improvvisamente, svegliato dallo sguardo, ai nostri occhi. Puo’ essere uno
specchio che ci spinge a entrare meglio dentro noi stessi, oppure ci chiede di
essere turisti di un sogno che ci presenta contrade sconosciute. Avvicinandoci
a uno di questi oggetti abbiamo accolto il suo segnale, e siamo gia’ partiti
per un viaggio che ci portera’ a conoscerlo meglio. In questo caso, accettando
il suo invito ad accostarci, vediamo animarsi un Cosmo.
A partire da questo momento siamo alla sua merce’. Il mondo di Gulia e Karolina Lusikova premia con rara dovizia la nostra attenzione. Lo sguardo del guerriero incontra la ballerina. Entrambi sono in cielo. Lei danza sopra un castello di funghi e di maschere, e un piccolo fiume porta una grande stella che sembra ridere soddisfatta.
Il tetto a cipolla di una chiesa russa invece di riportarci alla maesta’ dei tempi antichi, si anima di colori futuristi e ci fa scoprire il suo desiderio di diventare un missile e riportare in cielo i Santi che contiene. Le loro ampie vesti sono diventate una vela o un paracadute, ed essi si salvano con un abbraccio , non con un rimprovero. Le Grazie, stanche di sfiorarsi con i polpastrelli, si animano e si avvicinano ad una fontana da cui sgorga sangue di melograno e mirtilli. La civetta guarda tutto quanto soddisfatta e si innamora del rosso di un pettirosso di marmo.
Tutto questo era dentro la ceramica. E’ materia, cioe’ materiale costituente,
ed e’ ancora materia, cioe’ argomento dell’opera. Comunque sia i sogni nascono
sempre dalla terra. Ma siamo noi che abbiamo accettato, siamo noi che abbiamo creduto, siamo noi che siamo partiti, siamo noi che siamo tornati, ancora incerti sull’itinerario che e’ stato un viaggio nel cuore di una improbabile,
fantastica Siberia, oppure non ci siamo mai mossi, sdraiati nella pigra
poltrona digestiva del nostro soggiorno, accarezzando semplicemente un samovar da rigattiere . . ."

# Pubblicato da Rosa Pierno in ~ 12.06.06 13:41 permalink