Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1212201718

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
L'«islam antico» in mostra al Louvre

Dalle ceramiche alle sete, tra arabeschi dorati e tonde calligrafie, tappeti e amuleti, il Louvre si apre nuovamente all'«arte islamica». Il museo parigino ospiterà infatti - da giovedì e fino al 26 giugno prossimo - 42 opere d'arte islamica realizzate fra Cordoba e Samarcanda tra il VII e il XIX secolo, molte delle quali sono esposte per la prima volta in assoluto. La «star dello show» - ha detto Sabiha Al Khemir, commissario della mostra - è una cerbiatta di bronzo finemente incisa del X secolo arrivata probabilmente dalle fontane di Madinat al-Zahra, vicino Cordoba. Come la cerbiatta dalla bocca a forma di cuore, i capolavori esposti al Louvre sono esposti in maniera tale da rappresentare un viaggio nel tempo e in posti sconosciuti. Secondo i responsabili della mostra, quella ospitata al Louvre è un invito alla contemplazione e alla scoperta. Un amuleto indiano di giada bianca inciso di versetti coranici realizzato per «calmare il batticuore» dopo la morte di Momtaz Mahal, in ricordo della quale l'imperatore fece costruire il Taj Mahal. L'editto imperiale con il quale il sultano ottomano Soliman il Magnifico cedeva il palazzo di Istambul alla nipote. Lo smeraldo «Mogul- i Moghol », incredibilmente grande, con motivi floreali e iscrizioni. Più lontano, il tappeto di Samarcanda o «tappeto della scacchiera» per l'insolito intreccio di una scacchiera immersa in giardini di fiori ed arabeschi. E ancora delle sete dalle poetiche decorazioni venute dall'Iran. Coppe, bracciali e cofanetti d'oro o avorio minuziosamente intagliati di palme, uccelli, fiori o forme geometriche. Le ceramiche Iznik, come il piatto decorato con un leopardo in catene. Uniche per l'originalità, queste opere appartengono alla collezione nazionale del Qatar e sono ora al Louvre in attesa di raggiungere il nuovo museo d'Arte islamica di Doha, che aprirà le sue porte probabilmente il prossimo anno.
da Il Manifesto

# Pubblicato da romanzieri in visioni ~ 30.03.06 15:15 permalink