Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1712201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Certamen

Questi testi sono stati scritti per un «certame» poetico, tenuto a Venezia il 6 luglio 2005, a cura di Riccardo Held. La serie Cavalcanti-Petrarca-Montale è tanto alta da impedire un massacro troppo osceno della sua scrittura: se i libelli hanno il loro fato, i rispettivi fragmenta si mostrano indipendenti dalla volontà dell’epigono. Anzi la condizionano: nessuno li ferisce troppo impunemente.

1.
VOLGARIZZAMENTO DI GUIDO CAVALCANTI, “VOI CHE PER GLI OCCHI…”

Con il tuo sguardo hai trapassato il cuore
in me e hai svegliato la mente che è mia.
Ma è smorta: guarda la malinconia
che vivo, disperato dal mio amore.

E io volevo dirti che il motore
della passione è forte, e che si svia
ogni forza da me: ne resta sia
un manichino sia voce e dolore

parlato. E voglio dirti che mi ha fatto
a pezzi la potenza che si mosse
dal tuo sguardo, e mi massacra il fianco,

amore dolce, e il colpo che mi ha sfatto
è tale che ogni nervo sente scosse,
e il cuore, muscolo vuoto, ora è stanco.


2.INVERSIONE DI PETRARCA, R.V.F., I

Noi siamo sordi a questa prosa unita
dove è il vuoto del riso, che non nutre
il corpo, mentre la tua età fiorita
non erra: l’uomo che fosti non muta.

Per lo stile noioso in cui sragioni
e ridi, con disperazione e gioia,
perché nessuno può capire l’odio,
non speri né la rabbia né il rancore.

Ma tu non vedi quanto a poca gente
importi poco, e poco tempo, e poco
di te stesso puoi essere orgoglioso

e dalla serietà non nasce orgoglio
o il mai pentirsi o non sapere niente
della realtà che il mondo, immondo, sprezza.

3. QUATTRO CENTONI DA EUGENIO MONTALE, “NON CHIEDERCI LA PAROLA…”

1.
Il sì risplenda
come le lettere
e la canicola
di fuoco secco.

E ogni muro
è un ramo secco
e informe, storto,
sillaba sé,

non stampa ombra,
non è un croco.
Oggi va qualche
parola, amico,

che tu dichiari
come una formula
e squadri, solo,
e non ci cura!

2.
Oggi splenda codesto
prato. Non possa un croco
aprirti la sua ombra,
da ogni lato: oggi è solo

canicola, sicuro
fuoco, che non vogliamo.
Stampa, perduto, ciò
che squadri: tu dichiari

te stesso informe, agli altri
amico. E oggi, come
va un uomo, va la sillaba
agli altri, e tu sei solo.

3.
Ah, il croco è formula a se stesso,
l’uomo no, oggi, perduto l’animo
storto. Le lettere sono ombra.
Con le lettere squadri sillabe:
la parola risplende ai cani.
Non siamo immondi: non vogliamo
l’ombra secca che cola in qualche
lato solo, calcina, polvere
o muro. Vogliamo un amico.

4.
Amico, squadri l’animo, che è un croco
sopra uno scalcinato muro. E informe
un ramo se ne va, perduto, e l’ombra
non cura la canicola: ciò è chiaro,

in mezzo agli altri. Noi vogliamo dirti
una parola umana, e possa aprirti
i mondi: da ogni lato oggi non siamo
un prato polveroso o qualche secca

sillaba, storta. Non siamo codesto.
Non domandarci altro: non vogliamo.
Ma a lettere di fuoco di’ la formula:
risplenda la parola che si stampa.

(massimo sannelli)

# Pubblicato da Massimo Sannelli in curiosità ~ 09.03.06 10:08 permalink