Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1312201719

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Lezioni inevitabili

Troppa mistica diventa esibizionismo o falsità; troppo corpo grezzo è un errore di prospettiva. La letteratura sanguigna deve servire solo il sangue. La mistica ha dimenticato tutto e non serve. Avrò paura di credere a qualcosa, e la poesia non è un campo di sperimentazioni di me: io non sono nulla, o “faccio della mia pelle nebbia”. Infatti lo zero è zero, il vuoto è vuoto.

Ti sei scaldato e hai perso; anche da freddo, hai perso; non vinci, perché un altro seme ti ha vinto. “Non persi, ma neppure vinsi”. Non ne muori, perché morire è qualcosa. Ora, che forse tocchi tua figlia quando tocchi il grembo di tua moglie – senti e conosci; non senti e non conosci più che la tua vita vale. Infatti la tua vita non vale. Così hai generato, e tua figlia vorrà chiamarti padre o fratello maggiore; e madre e mamma, o sorella, sua madre. Sulla pelle tesa di sua madre, il ventre dilatato per lei, sua figlia, deponi molti baci: è la prima volta che avviene. Scrivendo, cogli la distanza tra computer e parete, tavolo e tappeto; veramente sono pochi metri, tre o quattro, nella stanza più grande della casa. Non credi a nulla di stabile. Non sei veramente uno scrittore: bastano le parti nude. Conoscendo il dolore di tua madre sai perché agisci, e solo per quel motivo. Il resto non c’è, quasi.
E le parti nude significano: questa miseria è mirabile. Ma il silenzio viene sùbito dopo: la parola non dura più delle labbra mosse e distorte, al mattino, alzandosi. Ti costituirai in maestro, come potrai, per altri. Ti ritirerai. Con Dio è diverso: perché abbàcina, prima di tutto. Dio abbaglia i sensi: “snoda il tuo laccio dal mio piagato collo”. Amore fa e toglie.
Altre volte esageri in atti che mortificano il frate asino; cioè il tuo corpo. Mortificato il corpo – lo dimagrisci, ne sorvegli i centimetri di pelle –, il sudore è più breve, il sonno si mostra più bello: vorresti solo dormire. Credi spesso che sia depressione, ed è un’altra cosa: sei tanto lontano che la tua voce ti arriva come altra – e non ne sei soddisfatto. Altre volte ti è molto cara: la sforzi fino alla pancia, alla testa e al falsetto. Cerchi nella voce di essere uomo, donna, bambino. Neghi solo l’identificazione – edificante – dei fatti di uno, “disperanti pozzi”, con la vita di tutti.

2
La terra rossa è rossa, le “braccia d’ulivo” restano ritorte come sono, la pietra che spacca l’aratro è un impedimento inevitabile. La terra genera piante: i frutti cadono sulla terra come in un “grembo”, e anche questo fatto è inevitabile. Il cadavere umano non diventa un nuovo corpo (“ma non per noi precipitati / da più impervie altezze”). Ciò che si impara da un automatismo naturale, ripetuto in ogni tempo, è scienza, inevitabile. [cfr. Rita R. Florit, Lezioni inevitabili, Lietocolle 2005]

# Pubblicato da Massimo Sannelli in letteratura ~ 28.02.06 11:31 permalink