Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201705

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Una scheda su Fenoglio e i luoghi

Il lettore italofono legge Fenoglio e pensa: questa scrittura non è un omaggio alla patria locale (il Piemonte), ma la distorsione della lingua della grande patria (l’Italia); e ricorda sùbito che questa distorsione crea l’antipatia, ben argomentata, di Pasolini in Descrizioni di descrizioni.

Questa anarchia "petrea" e dissonante ha più di un punto in comune con la prosa letteraria di Amelia Rosselli, e non è un caso. [1] Un impianto borghese e prevedibile, anche culturalmente, si è rotto.
Così nell’economia mitica, e non pratica, di uno scrittore, l’abbandono dell’Università – e delle possibilità che il titolo può garantire – delegittima e scavalca l’Accademia, cioè una lingua e una conservazione del sapere. Non solo: né per organizzazione logica né fonicamente l’inglese è l’italiano, e un italofono di Alba che aspira all’anglofonia – senza essere nato a Parigi e cresciuto negli USA, come Rosselli – non si identifica più nel cuore con il monumento diacronico che lo precede [2]. Soprattutto, il nesso inalterabile terra-sangue-lingua ne viene mutilato e distrutto.
È ovvio che nessuno ha mai parlato come Fenoglio e Rosselli scrivono. Ad un mondo modificato e ferito, moderno, corrisponde di necessità una lingua scritta non parlabile e mai parlata: soprattutto, né viva (non è mai stata la lingua di una comunità) né morta (non ha un passato pratico rispetto al quale scomparire, essendo soppiantata da un nuovo volgare). Eppure Fenoglio si riferisce veramente a luoghi condivisi da una comunità, e Fiammetta Cirilli li studia; quindi Milton dice che Alba è "casa" (cit. a p. 129, e Cirilli spiega bene che la malinconia di Fenoglio "affonda le sue radici nella stessa attitudine a identificare l’universo domestico con quello cittadino") Ma questi luoghi non fanno di Fenoglio uno scrittore di pura piemontesità o "di ispirazione contadina e provinciale" (p. 36); e non rappresentano un paradiso privato, soprattutto per come appaiono nel dopoguerra. Il diverso atteggiamento delle donne – che "ci mettono al mondo", e sono la terra e la morte insieme, secondo Pavese, come divinità precristiane – è il simbolo di uno strappo definitivo (antropologico, sessuale, territoriale), uguale a quello che comporta il rimpianto delle lucciole o dei capelli corti in Pasolini: le ragazze di campagne vanno "a ballare truccate e vestite come cittadine", e rifiutano gli inviti degli uomini, scegliendoli. L’animalità subisce una mediazione: non per il piacere della castità, che eleva, ma per un calcolo pratico. C’è, intorno, il boom in grande stile della "fabbrica della cioccolata"; chiude la macelleria dei Fenoglio, che traslocano dalla piazza al corso. Intorno, un "massiccio incremento demografico" (p. 39).

Cirilli scrive, giustamente, che "le descrizioni dei luoghi, anche quelle apparentemente più minuziose" sono "in realtà il frutto di un sapiente montaggio di elementi filtrati e riadattati da un narratore poco preoccupato di una resa realistica" (p. 40). In pratica, chi scrive non agisce direttamente in un luogo, ma in spazi che lo isolano dal luogo, e gliene forniscono un panorama e la quintessenza; così si crea quasi una continua allegoria del/nel luogo, basata sulla selezione severa che prepara ogni gesto letterario, sotto una disciplina che può di nuovo cancellare lo scritto, il particolare e il luogo. Se il luogo è ferito, lo è anche la mente, che è un luogo a tutti gli effetti: quindi la scrittura scritta assorbe il dolore e la contorsione, al limite dell’illeggibililità.

Dove Cirilli analizza i luoghi, ho proposto un’analisi, molto pratica, della lingua che li descrive: immaginando che la modificazione bellica e antropologica dei primi non possa non interferire con quella della seconda. Ho immaginato che per lo scrittore Fenoglio valga, più o meno, una regola abbastanza comune nello spazio letterario: il luogo è nella (e della) mente, e la mente è un campo ferito e fertile: Johnny è "stranamente" turbato per Alba "felicemente e consensualmente, nuzialmente violata, ma violata" (p. 113), e questo stupro – che gli avverbi modali in -mente martellano nel lettore – oscilla dalla terra alla scrittura.

note

[1]. Il libro di riferimento è di Fiammetta Cirilli: Alba e le Langhe. L’epopea del partigiano Johnny, Unicopli, Milano 2005, con una premessa di Giorgio Bàrberi Squarotti. Fenoglio è "petreo", nella sua scrittura (e l’aggettivo è citato due volte da Cirilli: pp. 84, 107), al limite della disarmonia: ad esempio, "quel patch, lungi dal scancellarsi" (cit. a p. 121), "Vengo in metà della piazza" (p. 134, e ricorda la formula "in mia bocca" dell’ultima sezione dell’Impromptu di Amelia Rosselli), "inintermittente, sprezzante e defenestrante" (p. 120).

[2] Infatti la laurea postuma honoris causa – cfr. Cirilli a p. 132 – vale più come canonizzazione del mito che come risarcimento dell’abbandono.

(articolo pubblicato anche in www.microcritica.splinder.com)

# Pubblicato da Massimo Sannelli in letteratura ~ 31.01.06 10:17 permalink