Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1612201706

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Utopia per un gioco di ruolo

Se la poesia fosse solo una tecnica, sarebbe perfettamente insegnabile: i suoi gesti formerebbero fin dall’inizio l’oggetto di una disciplina – coreografia o retorica o regia – perfettamente codificata e ripetibile a volontà. Se fosse solo umorale e individuale, non ne potrebbe essere insegnato un solo verso: all’esterno della mente e della pelle del suo autore, sarebbe glossolalia o lettera morta.

La didattica, anche la più democratica, propone sempre un sistema di valutazione e giudizio, con il paradosso, inevitabile, di una distanza ravvicinata tra allievo e insegnante, o di una cordialità che giudica. Il/la docente, anche il più disponibile e umile, non è e non può essere uno studente: né per competenze, né per età, né per riconoscimento sociale; mentre, dal punto di vista professionale, al/alla docente si chiede la docenza, per la quale è stato/a assunto/a e viene retribuito/a. Essa è il suo lavoro, oltre che la sua missione.
Una cosa è propria della poesia: il ricorso, diacronico e sincronico, ad una retorica della contraddizione e della complessità (metafora, allegoria, ossimoro, sineciosi), e ad un uso indipendente del tempo e dell’ordo (iperbato, variatio, ýsteron-próteron). È possibile inserire la contraddizione e la complessità (la poesia) nel corpo stesso dell’insegnamento della poesia (che è contraddizione anche perché suono concettuale e concetto sonorizzato)? Questa è una prima ipotesi di lavoro, contraddittorio e complesso: in una prima fase lo scrittore affiderebbe agli studenti alcuni testi, scritti da lui, invitando gli studenti a commentarli, oralmente o per iscritto, in una seconda fase. Non solo: li inviterebbe – non per una posa, ma per una sua necessità intima – ad insegnare allo scrittore a leggerli, nel corso di una vera e propria lezione dedicata a lui.
Se è propria della nostra civiltà l’apertura all’altro – in primo luogo il migrante, non italofono – e in alcuni autori contemporanei è fortissima l’esigenza di «far parte d’altro» (Elisa Biagini) o reinventare-delimitare l’«io lirico» in un «informale freddo» (Marco Giovenale), in questo caso l’autore si espone alla più totale gratuità e spontaneità dei giudizi, esterni e «imberbi», come li definisce Mario Fancello. Gli allievi diventano maestri e il possibile maestro diventa allievo: solo in un’ultimissima fase del percorso lo scrittore potrebbe riprendere un ruolo coordinante, per commentare l’esito del lavoro, positivo o negativo. Ogni incontro assumerà quindi il valore di una performance artistica, in cui il ruolo autoriale sarà quasi azzerato, e il primo posto sarà dei testi e dei rapporti che possono suggerire. Quindi sarà bene registrare o filmare i singoli incontri, per pubblicarne la sbobinatura, come documento metapoetico e pedagogico.
La luce è lo sfondo concettuale e metaforico dell’intero progetto. Essa si identifica con l’insegnamento e il commento di ciò che non si sa ancora (nel Purgatorio, Matelda spiega che luce rende il salmo Delectasti, illuminando e chiarendo un problema di Dante). Si indica così un’aggiunta esterna, che modifica la percezione dei testi di cui lo scrittore è responsabile, e che lo mostra a se stesso: il simile a sé più uno, più uno, ecc. Questa luce gli mostra, in primo luogo, come vince o perde, e come vince e perde nello stesso tempo, essendo molto amato e molto criticato, completamente dentro e completamente fuori.

# Pubblicato da Massimo Sannelli in interventi ~ 28.01.06 07:18 permalink