Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1812201719

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Emily Dickinson, Su un Io Colonna

1.
Studio per loro –
Cerco il buio,
Finché non sono pronta.

Questa fatica è la sobria
Fatica:
Con questa sola dolcezza

Che basta – il digiuno che
Offre per loro un cibo più puro,
Come io posso:
Se no, avrò lo slancio, avuto,
Del Progetto –


2.
Di’ tutto il vero, dillo obliquo –
Il trionfo è nel cerchio –
Troppo splendore per nostra
Gioia – fioca –
La sorpresa superba
Del vero – è, come il fulmine ai Bambini
È

Facilitato da parole umane:
O il vero abbaglia piano,
O acceca il mondo –


3.
Troppo vile la morte
Per te: un Greco lo può –
Vivere, Amore, è peggio –
E ti offro anche questo –

La Morte scarsa è morta:
Ma nella vita esiste
La Morte in molti modi –
Senza il Sonno dei morti.


4.
Questa è la fine muta
Di tutte le Speranze:
Il Mattino a colori
Venuto a me, è veloce
E aspra la sua fine.

Non si aprì mai Germoglio
Più ardito sullo Stelo;
Né Verme fu più atroce
Che ferì una Radice
Che era tanto solida


5.
Se il Torto è mio – abbandonaMi –
Ma non dire «abbandonaMi» –
AbbandonarTi è il verbo
Che scaccia Fede – e Patria!


6.
L’Elisio non è meno
Vicino della Stanza
Vicina: oggi un Amico
Attende in questa Stanza
Il Piacere o la Pena –

Quanta fortezza
Contiene l’Anima
Per sopportare
Nel Passo il ritmo –
Nell’Uscio l’aria!


7.
È come Luce:
Delizia informe –
E come l’Ape:
Melodia eterna –

E come i Boschi
Intimi e l’Aria
Muta che agita
Gli Alberi alti –

Come il Mattino
Bello – alla fine –
E gli Orologi
Danno immortali

Il Mezzogiorno!


8.
Nell’atto che muore
Il Mondo sembra arido –
Vogliamo la Rugiada:
Anche la Gloria – è arida.

Le Bandiere travagliano
Il Viso che morirà –
Ma dal Ventaglio dolce
In Mani amate piove
La Freschezza dell’Aria.

Ecco la mia Presenza
Accanto alla tua Sete,
Che verrà: la Tessaglia
Porta Rugiada – Ibla
Molto suo Balsamo!

9.
Tra le Vite create
Ne ho eletta Una.
Quando il Senso dal Cuore
Si scioglierà, bruciato il Sotterfugio –
Ed è e fu appariranno nomi
Nudi, ed il breve Teatro nel Corpo
Volerà – la Sabbia vola – e l’Uomo
Esibirà la sua Fronte di Re,
Finita ora la Nebbia –

Guardate l’Atomo,
Che Io eleggo
Sopra ogni Creta!


10.
Un Tuono alla sua Fine:
Come quello lanciarsi –
Poi tutto il Rombo estingue
Sé e ogni Cosa creata
Si nasconde: questa è

La Poesia – o l’Amore.
La doppia Essenza è pari:
Proviamo Due, o Nessuno.
Questa Esperienza uccide:
Chi vede Dio non vive.


11.
Di Bronzo – e Fuoco –
Il Nord – Stanotte –
Così ben fatto – Forma –
Così amico di sé,
Sciolto – da allarmi – e sua
Enorme Indifferenza
All’Universo o a me –
Infetta il cuore semplice
Coi Semi di Maestà –
Che io estenda i gesti –
Poi salgo sul mio Stelo:
Sprezzando l’Uomo, e Ossigeno,
Nell’estrema superbia.

I miei Splendori sono
Atti di circo – Il loro
Aspetto sarà l’estasi
Per il Futuro:

Dove sarò un’Isola
Tra vilissima erba –
Le Margherite sole
Ricorderanno il nome.


12.
L’Anima sceglie la sua Compagnia –
E – poi chiude la Porta: alla divina
Età maggiore – non mostrate altro –
Di una nazione grande sceglie Uno –
Poi richiude le Valve dei suoi sensi,
Quasi pietre.


13.
Non dipingerei – un Quadro –
Ma esserLo: lucente
Impossibilità di stare, come
Delizia – e chiedermi come
Le dita stanno: il loro fermento
Celestiale evoca, dolce,
Un Tormento – una Disperazione
Ricca –

Non parlerei, come Corni –
Ma esserLo: dolce-elevata
Fino a Soffitti e più
R facilmente oltre –
Per Villaggi di Etere –
Fatta Pallone spinta
Da ancia di Metallo –
Al mio Pontile il molo –

Né io sarei Poeta –
È più fine – tenere l’Orecchio
– Innamorato – impotente – contento –
Ammesso a riverire,
Atroce privilegio –
Che cosa sarebbe la Dote
Se io avessi l’Arte di stordirmi
Con Fulmini di musica!

14
Con Te non posso vivere –
Che sarebbe la Vita –
E la Vita è laggiù –
Dentro lo Scaffale

Il Becchino ha la Chiave –
E ripone la vita –
La sua Porcellana –
Come la Donna in casa

Butta una tazza vecchia
O spezzata –
Si ama un Sèvres più nuovo –
Ma si incrinano i vecchi –

Con Te – non morirei –
Deve aspettare Uno –
Che chiude all’Altro gli Occhi –
E Tu – Tu non potresti –

Io potrei – starti a lato
E vedere – che geli –
Rinunciare al mio Gelo –
Privilegio dei morti?

Io non potrei risorgere –
Con Te – nasconderesti
Gesù sotto la faccia –
E la grazia Inaudita

Parrebbe strana e pallida
Cosa all’Occhio nostalgico –
O lo vinci in splendore
Tu – più vicino a me –

Se ci giudicano – Come –
Tu hai – servito il Cielo –
Sai bene – o hai provato –
Io non avrei potuto –

Hai ricolmato gli Occhi –
Che non avevo Occhi
Per l’eccellenza squallida
Che è detta Paradiso –

E se Ti perdi – io uguale –
Anche se si lodasse
Il Mio Nome nell’alto
Dei Cieli –

Se Tu fossi – salvato –
E condannata – io
A stare dove Tu
Non sei – questo mi è Inferno –

Ci incontriamo a distanza –
Tu sei là – Io – sono qui –
La Porta appena schiusa
Come gli Oceani sono –
E anche la Preghiera –
E l’Alimento Chiaro –
Disperano.


15.
Ci incontrammo Scintille – Divergenti
Selci scagliate in direzioni varie –
Ci separammo e il Cuore della Selce
Sembrò diviso a filo dalla Scure –
La Luce che portammo ci sostenne
Prima che Noi soffrissimo la notte –
Forse la Selce arriva fino ad Oggi –
Per la nostra Scintilla.


16.
Poca pazzia in Primavera salva
Lo stesso Re – ma Dio salvi il pagliaccio –
Che pensa allo Spettacolo tremendo –
Al pieno Esperimento con il Verde –
Come una cosa sua!


17.
Questi Giorni di Febbre –
Portarli alla Foresta –
Dove sono Acque fresche
Nel muschio – e solo l’ombra
È cosa che devasta
La quiete – e a volte sembra
Che questa scena è tutto –


18.
Se la Prigione è soffice
E sono dolci sbarre –
Un Tiranno non crea
Questo – ma il Re del Sonno.

Se il Destino è così
Se non ha un altro Regno
La Cella è una Compagna
E Reclusione – è Casa.


19.
Ecco il mio testo al Mondo
Che a me non ha mai scritto –
Le semplici notizie
Che la Natura dice
In tenera Maestà.

Il suo Messaggio passa
A Mani che non vedo –
Per il Suo amore – dolci
Fratelli – giudicateMi –
Voi con indulgenza.

20.
Molta Follia è il Senno più divino –
A un Occhio che comprende –
Molto Senno – è la Follia più pura –
Così la Maggioranza
Vince anche qui, e in tutto –
Se dici sì – sei savio –
Se dici no – tu sei –
Pericolo legato con Catena –

21.
Osi guardare l’anima
Al calor bianco? dietro
La porta rannìcchiati –
Rosso – color di Fuoco –
Quando il Metallo vivido
ha saziato la Fiamma,
Palpita dalla Forgia
Senza colore, luce
Sola e Vampa profana.

Ogni Villaggio ha un Fabbro
E l’Incudine suona
Che è simbolo di Forgia
Sottilissima – e dentro
Si imprime e affina i Ferri
Impazienti, con Fiamma
E con Martello, infine
La Luce Designata
Ripudia questa Forgia –


22.
Cervo Ferito – salta
Più alto – così parla
Il Cacciatore – è questa
L’Estasi della morte –
E la brughiera tace!
Dalla Pietra Percossa
Cola acqua! La scintilla
Dall’Acciaio schiacciato!
Una Guancia è più rossa
Dove la Febbre punge.

Gioia ripara Angoscia –
Gioia è Sicura Arma:
Se il sangue non appare
Non si urla «sei ferita»!


23.
C’è una piega di luce,
Pomeriggi invernali –
Che è grave, come il Peso
Di suoni in Cattedrali –

Piaga celeste impone –
La cicatrice no,
Ma differenza interna,
E qui i Significati –

Non è oggetto di studio –
Disperazione chiude –
Ma una pena imperiale
Liberata dall’Aria –

Quando viene, il Paesaggio
L’ascolta – le ombre tacciono –
Quando sale, è il Distacco
Nel viso della Morte.

24.
Il Successo è più dolce
A chi non l’ha succhiato.
Per intendere il nettare
Servirà la mancanza.

Solo chi è nella Schiera
Purpurea che oggi vince
La Bandiera, insegna
La parola vittoria –

Come il vinto – che muore –
Nell’orecchio impedito
Riceve il suono chiaro
Del Trionfo sanguigno!


25.
Cosa Solenne è in Anima
Sentirsi maturare –
Un oro che sta appeso –
Molto sopra è finita
La Scala del Creatore –
In basso nel Frutteto
Senti un Vivo – che cade –

Meraviglia – provare
Come il Sole lavora
La Guancia che credevi
Perfetta – l’occhio freddo,
Buon critico dell’opera –
Che alza il picciolo – un poco –
Per riguardarti – il Torsolo –

Con più solennità –
Ora sembra vicino
Il tuo nuovo Raccolto –
Dunque ci sono vite
Dove ogni Sole è il solo.


26
Un Topo chiuse qui
Un Mestiere di Morsi
E di Inganni e Paura.
Il prezzo dell’Ignominia
Sia noto a chi si macchia.

La Trappola più docile
Alla tendenza al gioco
Non regge –
E il Tentatore è Amico
Lasciato a malincuore

Quando finisce il gioco.


27.
Su un Io Colonna è agio
Superare l’Angoscia –
O il Pericolo – e bello
Sapere certamente
Che la Lama non taglia –
E il Cuneo non divide

La Convinzione – Base
Granitica. Se qui
Nessuno ci sta a Fianco –
Ci basteremo – come
Folla – con Rettitudine –
E l’Assemblea – vicina

Al più remoto Spirito – che è Dio –


28.
L’Amore che una Vita può mostrare
In Terra è un filamento, io credo,
Della cosa divina
Che in faccia al Mezzogiorno
Sviene – e nel Sole scuote
Il Tizzo – e a Gabriele
Impedisce le ali –

Nella Musica – è questo
Che suggerisce e agita –
Lontano in Giorni estivi –
Stilla un dolore incerto –
Questo seduce nell’Est – e colora
Il Transito nell’Ovest
Con lo Iodio che strazia –

Questo – invita – spaventa –
Arricchisce – vola – splende –
Prova – svanisce – torna –
Accenna – convince – incanta –
E – lancia nel Paradiso –


29.
Mai più vedere la sua faccia al Mondo –
Suona lungo – ma poi io leggo il luogo
Dove questo si dice Abbecedario –
Di una vita – ancora intonsa – rara –
Sullo Scaffale – chiusa – a Lui – e a Me –


30.
Il Cuore chiede Gioia –
Poi lo Sconto di Pena –
Poi i sottili Calmanti
Che annebbiano la Noia –

E poi – vuole dormire –
E poi – se la concede
Il suo Inquisitore –
Libertà di morire –


31.
Bene spiarli, e ascoltare la caccia:
Meglio fare la preda,
Chi vuole, se la Volpe
Apprezza il suo Segugio –
Bene sapere e non dire, meglio
Sapere e dire, se trovi l’Orecchio
Raro non molto ottuso –


32.
Che la Routine sia Stimolo:
Ricorda che può finire –
L’Abilità a concludere
È una Grazia Speciale –
La Freccia del Ricordo
Il dono del rimedio
Svaniva col Tormento
Che diventava bello –


33.
A me l’esperimento
È ogni mio prossimo
Se contenga un nòcciolo?
In Figura, la Noce

Si mostra sopra i Rami
Ugualmente plausibile:
Ma il Gheriglio si addice
Più a Scoiattoli – e a Me.


34.
I piedi di chi torna
Esultano nei sandali –
Il Croco – che poi spunta
Vassallo della Neve –
Le labbra all’Alleluia
Hanno fatto esperienza.
I Rematori, dopo,
Cantano sulla riva.

Le Perle sono spiccioli
Che il Tuffatore ruba
Al mare – e le piume –
Carro del Serafino –
Una volta Pedone –
Come noi – e la Notte
È la Tela dell’alba –
Latrocinio – legato –
Morte, ma l’attenzione
Ama Immortalità.

Le figure non dicono
Quanto manca al Villaggio –
I contadini sono Angeli –
I Cantoni decorano i cieli –
I miei Classici ora
Si velano la faccia –
La mia fede ama il Buio –
Che dalle sue abbazie solenni
Questa resurrezione riversa.


35.
Questa Polvere calma
Fu Cavalieri e Dame
E Ragazzi e Ragazze –
Fu abilità e allegria,
Sospiri, Gonne e Riccioli.

Questo Spazio Passivo
Era la casa agile
Di un’Estate che i Fiori
E le Api formavano
Un Circuito Orientale:
Poi, come gli altri, caddero –

(esperimento di traduzione di Massimo Sannelli, sannelli@interfree.it)

# Pubblicato da Massimo Sannelli in antologica ~ 22.09.05 21:13 permalink