Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201714

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Pietro Thouar, Il castoro e l’asino alla corte del leone

E si conta che il leone eletto signore degli animali, volle avere numerosa comitiva di costoro intorno alla sua tana, e ne chiamò a sé da ogni parte, facendoli mettere su con molte belle promesse di gozzoviglie, di sollazzi e di ricompense. Infatti a' primi che vi corsero in folla, parve quello il paese della cuccagna, perché senza durare una fatica al mondo vi trovarono grasse pasture, abbondanti ricolte, e la bellezza di ogni sorta di carnagione. Vi giunse anche la volpe; ma accortasi la tristarella che messer lo leone in tanta sopravvegnenza di convitati non aveva grande scrupolo ad imbandire le vivande coi loro medesimi quarti, avrebbe sùbito ripreso la via tra le gambe per tornarsene indietro, se non le fosse stato dato l'ufficio di tenere i conti al siniscalco, e con buon salvacondotto per la sua pelle. Intanto l'asino che presiedeva
l'assemblea, fattane un dì la rassegna generale, vide che vi mancava il castoro; e prima che il leone s'avesse a sdegnare del suo indugio, andò sùbito ad invitarlo con larghe promesse e con squisite carezze, perché gli era stato detto che qualche volta e' faceva l'indiano e lo smorfioso. Infatti il castoro, che se ne stava tutto in faccende per certa fabbrica di una casa, in sulla prima non voleva dar retta a queste chiamate; ma finalmente, mosso dai ragli eloquenti e dalle svenevoli moine dell'asino, si risciacquò ben bene la coda che era tutta imbrattata di mota, e venne alla tana del leone. Quivi imbrancato con le altre bestie, le quali tutto dì se ne stavano senza far nulla, vagolando qua e là, lisciandosi la pelle, spiattellando strambòttoli, mormorando senza carità del prossimo e mangiando a ufo, presto quella vita gli venne a noia, e l'uggia l'avrebbe fatto morire tisico in poco d'ore, se non che, adocchiato un torrente vicino alla caverna, si trasse alla sponda di quello e posesi addirittura a lavorare ai fondamenti di una casupola. A prima vista non raccapezzarono i compagni che cosa volesse fare, e si pensarono che quello fosse un nuovo trastullo, una buffonata di nuovo conio; ma quando l'asino e gli altri conobbero ch'e' faceva davvero, senza mettere tempo in mezzo, corsero a rampognarlo urlando non esser lecito che si sporcasse in quel lavoro triviale al cospetto del leone e di tutta la bestiale assemblea. Il povero castoro ebbe un bel dire che egli credeva anzi di fare onore a sé ed alla razza mostrando la sua abilità, in vece di starsi come gli altri dalla mattina alla sera o di mettersi a dir corna di questo e quello: allora non solamente gli convenne abbandonare l'incominciato lavoro, ma scorbacchiato in mezzo agli insulti di tante bestie, perdé la vita sotto i calci dell'asino perché aveva avuto la temerità di rispondergli ragionando.

# Pubblicato da staff in antologica ~ 01.09.05 08:17 permalink