Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1312201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Arthur Rimbaud, Racconto

Un Principe era stizzito per essersi adoperato sempre e soltanto alla perfezione delle generosità volgari. Prevedeva strabilianti rivoluzioni dell'amore, e sospettava le sue donne di potere qualcosa di meglio, di questa compiacenza ornata di cielo e di lusso. Voleva vedere la verità, l'ora del desiderio e della soddisfazione essenziali. Fosse, o no, un'aberrazione di pietà, volle. Possedeva almeno un potere umano abbastanza vasto.
Tutte le donne che lo avevano conosciuto furono assassinate. Che strage nel giardino della bellezza! Sotto la sciabola, lo benedirono. Non ne ordinò di nuove. - Le donne riapparvero.
Uccise tutti coloro che lo seguivano, dopo la caccia o le libagioni. - Tutti lo seguivano.
Si divertì a sgozzare gli animali di lusso. Diede fuoco ai palazzi. Si avventava sulla gente e la faceva a pezzi. - La folla, i tetti d'oro, i begli animali continuavano a esistere.
E' mai possibile estasiarsi nella distruzione, ringiovanirsi mediante la crudeltà! Il popolo non mormorò. Nessuno offrì l'assistenza delle proprie opinioni.
Una sera, galoppava superbo. Un Genio apparve, di bellezza ineffabile, anzi inconfessabile. Dalla sua fisionomia e dal suo portamento emanava la promessa d'un amore molteplice e complesso! di una gioia indicibile, anzi insopportabile! Il Principe e il Genio si annientarono probabilmente nella sanità essenziale. Come avrebbero potuto non morirne? Insieme dunque morirono.
Ma quel Principe spirò, nel suo palazzo, a un'età normale. Il Principe era il Genio. Il Genio era il Principe.
La musica sapiente vien meno al nostro desiderio.
da Illuminazioni
qui il testo in lingua originale

# Pubblicato da romanzieri in antologica ~ 14.09.05 09:58 permalink