Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201714

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Giuseppe Pitrè, La gobbetta

C'era una volta un re che aveva tre figlie femmine tutte da maritare: le più grandi erano ben messe e si maritarono subito, la più piccola aveva la gobba e non la volevano né regalata né venduta. La volle infine il cocchiere e lei gli disse di sì:
- Che devo fare - disse - le mie sorelle sì e io no? - Ma figlia mia, cali di grado - diceva il padre.
- Ma insomma maestà, chi mi prendo se nessuno mi vuole?
Fecero il matrimonio e se la prese il cocchiere. Ma le sue sorelle continuavano a volerle male e la disprezzavano e le dicevano tante cattive parole perché aveva la gobba e si era sposata il cocchiere, per cui lei piangeva ed era malinconica. Nel bel mezzo passarono tre fate:
- Che hai, Richetta, che sei così afflitta? - E che devo avere?! Le mie sorelle mi disprezzano, non mi vogliono vicina a loro, dicono che la corona tocca a loro perché io sono gobbetta e devo servire per il loro divertimento.

- Eh, bene! - dissero le fate - tieni questa castagna, questa nocciola e questa noce, ti serviranno quando ne avrai bisogno.
E se ne andarono per i fatti loro a girare il mondo. Venne e rivenne il tempo in cui il padre era vecchio:
- Ora - disse - io sono vecchio, voglio spogliarmi della mia corona e passare il regno nelle mani di uno dei miei generi. Olà, ascoltate figlie mie, la corona la dò a colei che mi ricama la più bella copertina d'oro. Le due sorelle erano tutte allegre:
- Ah! ah! Bene, bene! La corona è nostra!
E la povera gobbetta sempre più rattrappita diceva:
- E che modo ho io di ricamarla? Le sorelle compravano oro e argento, drappi di seta che di più non potevano. Richetta chiamò il servo e lo mandò a gridare sotto le finestre delle sorelle.
- Chi ha filami e perline per ricamare la coperta del re?
- Ah! Questa è la tartaruga! - dicevano sghignazzando - è sicuro: la corona è nostra.
Venne il giorno di presentare la coperta al re: che fa Richetta? Schiaccia la nocciola e subito compare una copertina meravigliosa con ricami d'oro e perle preziose come non si erano viste mai.
- Oh! Che bella! Oh! Che bella! - disse il re - una cosa simile non si trova al mondo! Certo voi avete perso la gara.
Ma per la corona mise un'altra condizione: possibile darla a una gobbetta? E che fa?
- Per la corona - disse - voglio un'altra cosa: voglio che nutriate un cagnolino, bello, fine, piccolo, il migliore che ci sia. Considerate che potevano fare le sorelle! - Stavolta la corona è nostra.
E si misero a nutrire cagnolini proprio graziosi. Passò e ripassò il servo della gobbetta: - Chi ha un tozzo di pane duro, che la mia signora deve nutrire un cagnolino per il re?
- Oh! - dicevano - con la copertina ce l'ha fatta! Diamogli pure noi del pane duro!
- No! - Sì! - No!
Tant'è non se ne fece niente e venne il tempo di portare il cagnolino al re. La tartaruga se ne andò arrotolata e come giunse a mezza scala schiacciò la castagna e ne spuntò un cagnolino tanto bello e tanto fino che alle altre non sarebbe nato in grembo. - Oh! Che cosa rara! - disse il re - come hai fatto a farlo crescere così?
- Come l'ho nutrito lo sa Iddio; né in cielo né in terra: zitto lui, zitta io.
Allora il re disse:
- Io te la darei la corona, ma non la dò ancora, che manca un'altra prova: sapete a chi la dò? A chi mi arriva più ben vestita e più bella.
A questo punto le cose erano chiare: le sorelle erano belle e contente, potevano dormire con la testa tra due cuscini! Ma il cocchiere si disperava e diceva:
- No! Stavolta gliel'appizza la corona, anche se mia moglie l'ha vinta due volte!
Arrivò il tempo e l'ora di andarsi a presentare al re. Si affacciò la tartaruga con tanto di gobba:
- Piglia la miglior carrozza che arrivo.
Schiacciò la noce e detto fatto diventò la dea Venere in persona, vestita come la più ricca e la più galante che mai ci sia stata, dove passava brillava la strada come passasse il sole. Che vi devo dire? Il re e le sorelle tutti restarono con tanto di naso che manco riuscivano a spiccicar parola e aprire la bocca. E Richetta trionfante ridendo diceva:
- Ah! Anche voi vi credevate che ero gobbetta? La corona è la mia!
- Hai ragione, tieni la corona - disse il re - non c'è che dire: a voi due, figlie mie non posso far nulla: chè il regno e il governo sono di Richetta.
Richetta e suo marito re e regina incoronati,
restarono felici e contenti
e noi qua che ci puliamo i denti.
[Raccontata da Nina Fedele e raccolta da Salomone Marino, Borgetto].

da: Giuseppe Pitrè, O mangi questa minestra..., a cura di Cecilia Codignola, Savelli, 1979

# Pubblicato da staff in antologica ~ 18.08.05 10:50 permalink