Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1512201712

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Così Coviello fa il verso allo yuppismo

Una serie di istantanee scattate sulla Milano post capitalista, sulla generazione di quei quarantenni-cinquantenni che avevano creduto negli ideali rampanti dello yuppismo, un referto freddo e disincantato sul tedio esistenziale di una classe sociale che ha fondato sulla Comunicazione il proprio credo. Il romanzo di Michelangelo Coviello, Deejay, pubblicato dalla casa editrice napoletana d’if (pagg. 221, euro 18) non è solo un romanzo giovanilistico, ma è anche, e forse soprattutto, un romanzo realista, se per realismo intendiamo quella particolare prospettiva attraverso cui l’autore riesce a farci guardare la realtà da un’angolatura insolita. L’angolatura scelta da Coviello è quella eccentrica dell’impasto formale di varie tecniche narrative: al dialogo insistito si alternano infatti moduli linguistici da test, inserti in terza persona, discorsi indiretti liberi, pseudo-monologhi. Sebbene talvolta l’autore insista pesantemente sul parlato (con esisti non sempre fortunati di mimesi linguistica), attraverso l'adozione di queste particolare tecniche è sostanzialmente riuscito a restituirci una rappresentazione convincente della vita milanese, soprattutto di quei suoi coetanei che, ai tempi della loro jeunesse dorée, avevano creduto nella Comunicazione, nella poesia al servizio della pubblicità, nel business intrecciato alla mondanità e che oggi, mutatis mutandis, si ritrovano a frollare i loro mac e a sospingere il proprio tedio esistenziale in vacui happy hour fingendo che tutto sia come prima. Alla fine, si scopre che sono figure senza profondità, che hanno lo spessore di cartoncini da fumetto, drogati dalla vertigine del nichilismo, soddisfatti ma vacui.
Guido Caserza, «ll Mattino» 30/07/2005

# Pubblicato da Edizioni D'If in editori ~ 07.08.05 15:44 permalink