Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201714

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Anche Dante e Petrarca vennero proibiti nel 1558 da Paolo IV

Il resoconto della feroce aggressione venne pubblicato nel 1612, ma da anni circolava in manoscritto. Era una notizia piuttosto sconvolgente: un certo Leonardo Salviati, "uomo per quanto comportano li tempi presenti e la qualità dei moderni Toscani, assai insigne nelle buone lettere", aveva aggredito Giovanni Boccaccio, alle due di notte, riducendolo a mal partito. "Gli diede molte ferite, con le quali lo deturpò e lacerò talmente, che i suoi più domestici amorevoli, che dopo tanta calamità l'hanno veduto, affermano non esser possibile riconoscerlo per quel Boccaccio tanto leggiadro che era prima", scrisse l’umanista Traiano Boccalini nei suoi anonimi - e beffardi - Ragguagli di Parnaso, che criticavano la società del tempo, chiusa, papalina, controriformista e bigotta. Il peggio è che non era nemmeno stato un delitto d’impulso: Salviati aveva agito come un killer prezzolato "ad istanza dei Giunti stampatori di Firenze, per avarizia di venticinque scudi". Tanto che secondo Boccalini (funzionario pontificio riparato a Venezia) il colpevole sarebbe stato debitamente messo alla gogna e dichiarato "pubblico e notorio assassino". Non si tratta di un giallo storico: le date non lo consentono. Nessuno avrebbe potuto tendere un agguato a Giovanni Boccaccio risalendo i secoli, armato di pugnale, fino al Trecento. Ma non è neppure un evento immaginario. L’assalto c’è stato, anche se con modalità un po’ diverse, nel chiuso dello studio di Leonardo Salviati, letterato illustre, principale ispiratore del Vocabolario degli accademici della Crusca, teorico del ritorno alla lingua del Trecento, che a Firenze ricevette dal granduca Francesco I il non facile compito di "rivedere" il Decameron alla luce dei princìpi della Controriforma. Fu la più celebre delle censure... continua

# Pubblicato da romanzieri in curiosità ~ 20.07.05 11:11 permalink