Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1212201718

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Caravaggio: maledetto per convenienza

urono gli anni più intensi e contrastati, per esperienze d'arte e di vita, quelli trascorsi dal Caravaggio tra Napoli, Malta e la Sicilia, dopo che - è ben noto - nell'estate del 1606, per aver ucciso in una lite di gioco Ranuccio Tomassoni, suo compagno di strada, di giochi e di avventure, era stato costretto a fuggire da Roma. Fuga precipitosa, che, almeno sul versante esistenziale, al pittore dovette costare non poco, anche perché vi fu costretto in una fase di crescente e sempre più consolidato successo: un successo conseguito per la sua straordinaria capacità di tradurre in pittura, con nuovo vigore visivo e sconvolgente immediatezza comunicativa, aspetti e momenti della vicenda umana e quotidiana percepiti nelle loro apparenze più vere e durature. Una presa d'atto, la sua, immediata, diretta e non convenzionale della realtà umana e naturale, un modo nuovo di fare pittura, bloccando sulla tela, tra contrasti netti e laceranti di luci e ombre, frammenti o, meglio, brandelli, di «verità rivelata», di situazioni umane colte nel momento di più alta e sconvolgente tensione non solo fisica, quanto soprattutto psichica, emotiva, sentimentale. Un modo di rinnovare il fare pittorico dal profondo e nel profondo, che proprio a Roma, in un ambiente ancora legato alle tendenze controriformate della «maniera tarda», gli aveva consentito, in breve tempo, dopo i difficili ma già perentori esordi giovanili, soprattutto al servizio del Cavalier d'Arpino, stretti e fecondi legami, ma non solo di lavoro, con alcuni tra i più prestigiosi esponenti di quel potentato locale, anche culturalmente più avanzato e, a suo modo, spregiudicato... continua

# Pubblicato da romanzieri in curiosità ~ 20.07.05 10:42 permalink