Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1812201708

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Giuseppe Pitrè, Il povero calzolaio morto di fame

Si racconta che c'era un povero calzolaio che aveva tre figlie femmine e una moglie. Lui era davvero misero e poverello: si metteva la forma in collo e andava gridando:
- Ripariamo scarpe! Oh signore! Nessuno mi chiama... Non mi resta che annegarmi!
Partì e andò sul fiume Bilici per annegarsi. Mentre stava per buttarsi dentro un gorgo, si avvicinò la sorte e gli disse:
- Che stai facendo?
- Mi annego perché ho cattiva sorte. La sorte allora gli disse:
- No, non t'annegare; tieni questo temperino; quando sarai in giro a raccogliere erba, sotto ogni erba che strapperai, troverai una moneta da due soldi.
Lui si pigliò il temperino e cosi fece. Ogni erba che tagliava, trovava un pezzo da due e se ne andava cantando: - Ta-la-le-ru, ta-la-le-ru, sono ricco!
Lo sentirono i monaci del convento (ché lui passava vicino al convento), e lo chiamarono:
- Venite qua, compare Peppi, che avete?
- E che devo avere? Son ricco!
Andò e fece vedere il temperino, e raccontò tutto. I monaci allora pensarono di pigliarglielo; gli dettero da mangiare, lo ubriacarono; gli presero il temperino e gliene misero un altro nella sacchetta. Lui se ne andò a casa:
- Moglie mia, siamo ricchi!

- Che avete fatto? Dove siete stato? - disse sua moglie.
- To', il papà - disse la figlia - stamattina che ha? È matto?
Lui disse:
- Venite con me, vi ho detto!
- Andiamo va', facciamogli sfogare la follia!
E se ne andarono in un campo, ogni erba che coglieva... ma come ci poteva trovare denari che il temperino gliel'avevano cambiato i monaci?
- Ah! povero me, sono distrutto! Mi vado ad annegare!
Partì e si stava buttando di nuovo nel fiume. Si affacciò la sorte e gli disse:
- Che sei venuto a fare?
- Ora davvero mi annego!
- No, non t'annegare, ci sono io che ti aiuto! - gli disse - Tieni questo asino: ogni vergata che gli dai, un gruzzolo di monete!
E gli diede la verga e l'asino. Cominciò a dare bastonate dicendo:
- Voglio vedere se è vero! Non fosse che m'ha preso in giro la sorte...
Ma ogni vergata che dava, un mucchietto di denari. Passò di nuovo davanti ai monaci cantando:
- Ta-la-le-ru, ta-la-le-ru! I monaci dicevano:
- Ripassa compare Peppi; dài diamoci da fare. Se lo chiamarono e gli dissero:
- Oh, compare Peppi perché ve ne andate cantando?
- Sono ricco!
Cominciò a dare vergate all'asino e l'asino gli cacò tanti denari. I monaci gli diedero da mangiare, lo ubriacarono di nuovo mescolandoci l'oppio. Quando si risvegliò, gli diedero un altro asino con un altro bastone, e lui se ne andò dalla moglie e disse:
- Eh moglie! siamo ricchi!
- Allora tuo padre vuole legnate davvero...
- Stendi le lenzuola a terra!
- E voi chi siete, che devo pigliare le lenzuola?
- Pigliale ti ho detto!
Le presero, le stesero a terra e lui cominciò a dare bastonate all'asino. L'asino, meschino, non potendone più, gli riempì le lenzuola di cacca. Sua moglie e le figlie allora lo presero a legnate; lui se ne andò fuori a lamentarsi: - Ah! Adesso sul serio mi vado ad annegare! Davvero! Davvero!
Se ne andò al fiume e mentre si stava annegando si affacciò la sorte.
- Sei di nuovo qua?
- Toglietevi, toglietevi di mezzo che mi devo annegare davvero; questa volta non voglio più niente.
- Eh! Scemo! Davvero ti sei scoraggiato? Non ci sono io?
Pigliò una borsa, gliela diede e disse:
- Vai dai monaci e di loro: “O mi ridate l'asino caca-denari e il temperino o vi faccio la testa come un pancotto”. Poi dì “Alé forme” e le forme giù botte in testa. Poi “Basta forme” e le forme si infilano nella borsa. Andò dai monaci e cominciò a gridare:
- Datemi l'asino caca-denari e il temperino!
Ma i monaci si facevano forti tra loro e facevano finta di non saperne niente. Lo scarparo si arrabbiò e disse: - Ah! Alé, forme!
Allora le forme uscirono dalla sacca e cominciarono a sbattere in testa ai monaci e li fecero molli da una parte, duri dall'altra.
I monaci gridavano:
- Ve li diamo, ve li diamo! E il calzolaio:
- Basta forme - e si infilarono nella borsa.
Ma i monaci non glieli volevano più dare; allora lui disse:
- Datemeli che richiamo le forme! Il padre guardiano disse:
- Diamoglieli che questo ci ammazza. Pigliarono l'asino e il temperino e glieli diedero:
- Voglio vedere se non me ne hanno dato un altro - gli dà una vergata. - Alé denari, a questi e quelli.
Lasciò i denari e se ne andò dalla moglie: - Siamo ricchi! - È tornato il pazzo! - Stendi il lenzuolo!
- Che volete? Di nuovo legnate stamattina? - T'ho detto stendilo! - Volete legnate!?
- Ah! Alé forme - e le forme giù in testa alla moglie e alle figlie che cominciarono a gridare:
- Lo prendiamo, lo prendiamo.
Pigliarono le lenzuola e le stesero per terra. Lui cominciò a dar vergate: - Alé denari - E ne fece un gran mucchietto. Quando tutti videro i denari:
- Oh! Maritino mio come siete bello!
- Oh! Paparino, come siete carino!
E tutti l'abbracciavano e accarezzavano, chi gli prendeva la mutanda pulita e gliela metteva, chi pigliava il pettine e lo pettinava. E così restarono insieme: marito e figlie ricche, e noialtri qua senza niente.
[Raccontata da Antonio Basile, Salaparuta]
da: Giuseppe Pitrè, ... o salti questa finestra, a cura di Cecilia Codignola, Savelli, 1979

# Pubblicato da staff in antologica ~ 25.07.05 09:10 permalink