Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1212201718

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Plotino, La metempsicosi

L'anima però, se migra dal corpo umano, si tramuta precisamente in ciò in cui si esplicò in prevalenza il suo essere. Perciò dobbiamo fuggire verso le altezze, a che non teniam dietro, per via dei fantasmi sensibili, all'essere sensibile, né per via della libridine del generare e dell'ingordigia di leccornie, teniam dietro all'essere vegetale: ma ci rifugiamo invece in seno all'intelleggibile, allo spirito, a Dio. Quanti dunque serbano alto l'uomo, ritorneranno ancora uomini: quanti, invece, vissero solo di sensazioni, diverranno bruti; anzi belve, se al senso si aggiunge l'iracondia: e la differenza che si stabilisce tra questi gradi di anima importa il differenziarsi tra l'uno e l'altro di questi simiglianti bruti: quanti poi vissero di brama e della voluttà della loro parte concupiscibile, si tramutano in bestie lascive e voraci. Che se non han senso congiunto a passione, ma stupidità di senso pur con quelle passioni, eccoli, persino piante!
Poiché, o esclusivamente o prevalentemente operò in loro la facoltà vegetativa, ond'essi eran di già bell'e avvezzi a vivere come tronchi d'labero! Quanto ai cultori di musica - puri, beninteso, nel resto - essi si tramutano in uccelli canori, ma coloro che son re senza buon diritto si tramutano in aquile, pur ammesso che non vi sia in loro cattiveria di altra natura; gli astronomi, poi, privi di chiarezza di spirito, sollevati come sono, perennemente, al cielo, si cangiano in uccelli dai voli altissimi. Chi però seppe serbare alte le virtù civili, ritorna uomo; ma chi partyecipò in misura ridotta, eccolo animale sociale: ape o qualcosa di simile.
(Plotino, Enneade, III, traduz. di V. Cilento, Il demone, in "La parola del passato", Bari, 1947)

# Pubblicato da staff in antologica ~ 20.07.05 09:38 permalink