Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1612201710

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Il filosofo non vive di solo pensiero

Come mai i filosofi italiani non scrivono delle autobiografie? La domanda, di quelle che si fanno nei momenti in cui non si ha voglia di pensare a cose più serie, non è del tutto priva di fondamento. Negli ultimi tempi sono state pubblicate diverse autobiografie di filosofi la cui lingua madre è l’inglese. Di queste, alcune, hanno avuto anche un discreto successo editoriale. Legittimo chiedersi dunque come mai siano così pochi i filosofi italiani che seguono l’esempio dei loro colleghi inglesi, americani o australiani. Una risposta che forse può fornire, almeno in parte, una spiegazione, può essere trovata nel diverso ruolo sociale che il filosofo ha nel nostro Paese. Come tutti gli altri intellettuali nostrani, i filosofi fanno fatica a liberarsi completamente di una certa aura di sacralità che si accompagna al loro lavoro nella percezione del pubblico. Il filosofo italiano, anche quando non è religioso, è ancora una figura per certi aspetti vicina a quella del prete. Che un prete racconti la propria vita privata sarebbe certamente vista, non del tutto a torto, come cosa di cattivo gusto. Il filosofo italiano probabilmente non si sente completamente libero di raccontare quegli aspetti della propria esistenza che meno si confanno a tale eredità sacerdotale, e quindi, mostrando una certa consapevolezza della propria posizione, tace... su SWIF

# Pubblicato da staff in risorse web ~ 15.07.05 10:23 permalink