Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201708

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
“Lignes de partages” Jacques Derrida lettore di Hélène Cixous

après  coup.jpg
Al centro dell'intervento dedicato a Jacques Derrida e il pensiero delle donne, in occasione delle giornate di studio dedicate al filosofo francese, si privilegia la relazione tra la riflessione più recente di Jacques Derrida e l’opera di una scrittrice, Hélène Cixous, considerata tra le più rappresentative del pensiero femminile della differenza sessuale e nota per questo non solo in Francia, ma anche all’estero dove è stata letta e analizzata da molte altre studiose.
Il rapporto tra Derrida e Cixous è stato, a partire dall’inizio degli anni sessanta un rapporto di amicizia e di reciproca lettura
Condividono le stesse origini, entrambi nati nell’Algeria francese da famiglia ebrea, e hanno esperienze simili nel corso della guerra e anche in seguito, una volta giunti in Francia e dopo aver riacquistato la cittadinanza francese.
Hélène Cixous fa riferimento fin dalla sua tesi di dottorato ai testi derridiani allora appena usciti e dedicati alla scrittura, la traccia, la différance. In seguito continuerà a farvi implicito o chiaro ricorso.
Da parte sua Derrida è meno esplicito, apparentemente, fino agli anni novanta. La lettura degli scritti di Cixous comincia per lui con il suo primo volume di racconti, che presenterà curandone la quarta di copertina e che definirà in seguito una “autobiografia delirante e sublime” frutto di una scrittura che, come in effetti è avvenuto, rischiava a suo avviso di non essere letta o comunque di non trovare, in Francia, un ascolto quale quello che l’opera merita per le sue caratteristiche specifiche, perché letteralmente “esce dal solco” (delira).
Jacques Derrida sottolinea che l’opera geniale che porta il nome di Hélène Cixous, la sua firma, è frutto di una straordinaria alleanza tra il più rigoroso calcolo della scrittura e l’apertura, l’abbandono (se rendre: abbandonarsi, arrendersi, andare incontro, come nell’espressione francese rendez-vous) al sogno.

Qui l'originale in pdf

# Pubblicato da Monica Fiorini in filosofia ~ 16.06.05 23:37 permalink