Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1212201718

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
La vita di Oppenheim nel dubbio di Singer

«Il professor Ernst Oppenheim di Vienna mi ha mostrato, basandosi sul folklore, che vi è una classe di sogni il cui significato profetico è stato eliminato persino nella credenza popolare e che possono essere perfettamente ricondotti a desideri e bisogni che emergono durante il sonno. Egli darà presto un resoconto dettagliato di questi sogni che, per solito, sono narrati sotto forma di storielle allegre». Questo è il testo di una nota che Sigmund Freud inserì nella terza edizione dell'Interpretazione dei sogni, pubblicata nella primavera del 1911. L'ipotesi in base alla quale le storie popolari attesterebbero che le persone comuni sono consapevoli del simbolismo sessuale presente nei sogni non era di poco conto ed è comprensibile che Freud avesse voluto sottolinearne l'importanza. Ciò nonostante, già nell'edizione successiva, la nota veniva espunta. La rimozione del riconoscimento non era casuale e rientrava nella condotta, da qualcuno definita «tirannica», che il padre della psicoanalisi teneva nei confronti dei seguaci che osavano contraddirlo. Il nome di David Ernst Oppenheim, la cui «colpa» fu di schierarsi con Adler e dunque contro Freud, non è passato alla storia. Le tracce della sua esistenza sono state strappate a un oblio probabilmente definitivo da Peter Singer con Ciò che ci unisce non ha tempo (Il Saggiatore, trad. di Deborah Borca, pp. 283, 17), un libro che è al contempo la toccante storia di una vita umana e un viaggio a ritroso nella grande Vienna, quella dei decenni antecedenti alla tragedia del nazismo e dell'olocausto. Ma cosa fece Oppenheim di tanto rilevante da meritarsi una biografia, a parte frequentare per due anni il famoso «Gruppo del mercoledì», formalmente conosciuto come la Società Psicoanalitica di Vienna? La risposta più appropriata è una domanda ulteriore: chi è l'autore della biografia e cosa lo ha spinto a interessarsi di un personaggio tutto sommato marginale, un uomo che seppure amico di Freud era comunque un anonimo insegnante di ginnasio? ...
su Il Manifesto

# Pubblicato da romanzieri in filosofia ~ 03.06.05 19:47 permalink