Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1312201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Pianoforte ed eros. Massaron contro Mann

Stefano Massaron, scrittore quotato e splinderiano, esce con un racconto inedito (almeno credo) all’interno di un blog molto frequentato.  Non posso resistere alla tentazione di recensire quello “stralcio” di musica classica che è l’incipit della sua prova, più che la sua prova stessa. A maggior ragione visto che, per un fortunato caso del destino, ieri mi sono riletto, e consiglio a tutti di farlo, una vera blogstar ante litteram in materia, Thomas Mann. Le cinquanta pagine del Tristano - libro di una sera - mi hanno convinto che nessuno ha mai scritto di musica come lui, nessuno lo farà mai.
Incidentalmente, E e Tristano trattano entrambi, con tassi secretori diversi, di amore  e voluttà. E di trascrizioni pianistiche. Beethoven-Liszt per Massaron, Wagner (che fu trascritto anche lui da Liszt) per Mann.
Lasciando da parte un infruttuoso percorso tra diverse tinteggiature dell’amour fou, rese non miscibili dal passare degli anni e dei costumi, cosa ci dice il raffronto tra i due? Che la funzione della musica si è spostata da principio creativo a presupposto narrativo.
L’analisi anche superficiale non può non mettere in rilievo come Mann punti a formare un reflusso di sinestesie partendo dal dato interno della partitura, dilatando le sensazioni uditive in quelle percettive, fino al rapimento ed alla perdita dell’identità del sé e dell’altro da sé. Una traduzione letterale e tipografica del cromatismo musicale wagneriano, che mai come nel Tristan und Isolde campeggia nel trattamento dei temi. Del resto, senza voler togliere nulla a nessuno, Mann era squisito critico musicale.
Di Massaron invece (ma è una critica che potrebbe essere allargata ad altri scrittori) non ci piace, all'opposto, l’aver piegato la classica a nozionismo, ed a preliminare del nucleo. Non fa presa questo riferimento Beethoveniano-Lisztiano, perché ci sembra uno sfoggio di cultura fine a se stesso e slegato dal resto del racconto. Sono stato, nei commenti in loco, crudo col pianismo di Leslie Howard, trattato come un Horowitz dai due amanti (“lo riconosco subito… certo, chi volevi che fosse?”), molto al di là dei suoi meriti, che per me sono non tanto quelli tecnici quanto quelli di avere registrato l’integrale Lisztiana per Hyperion. Poi l’ubiquo Glenn Gould (chi non lo ha mai tirato dentro al suo scrivere scagli la prima pietra), con due o tre aneddotiche inflazionate. Infine la citazione dell'entrata baritonale. Fine.
Una sensazione che la classica non venga privata del suo cellophane, e che sia un mantra altezzoso, parallelo e mai intersecantesi col vissuto dei protagonisti, casomai con la loro spocchia. Tanto per dare all’accoppiamento (o affini) una etichetta di accoppiamento regale, colto.

# Pubblicato da bobregular in musica ~ 07.05.05 02:22 permalink