Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1512201711

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
La scrittura in rete: anatomia dell'arrivista (ovvero dell'illuso)

(nelle brevi note che seguono, l'arrivista viene designato indifferentemente come illuso o come arrampicatore: è l'illustrazione di un tipo, molto diffuso, ma non di una legge universale)


L’illuso non pone limiti al proprio sguardo, e la rete è il suo smisurato orizzonte: è libero di credere che un cielo accogliente conserverà la sua impronta, e lo crede. La sua missione non è più scrivere, ma partire per le Indie, scoprire l’America, e negare che Colombo sia mai esistito. Allevato nel culto della retorica e della vil pagnotta, rimesta questi elementi per cavarne letteratura al di fuori dei generi. Se nulla è dato, tutto è da farsi. Egli, l’illuso, si propone di agire a dispetto di un circondario di illusi che gli somigliano in maniera patetica: scambia la parola per un fioretto e inizia una personale battaglia contro un mondo senza miti, in un tempo consapevole della sua meschinità, ma che lo accoglie come querulo tra i queruli, perché non si muore di finta poesia, e perché il più brillante tra mille impostori è pur sempre un impostore. Il nostro illuso è, alla fine, un disgraziato prodotto della democrazia digitale, un effetto collaterale: lo si deve sopportare oggi, in attesa che domani parli da solo. E’ un tipo, nulla più, ma lo si incontra di frequente. Cura l’immagine nei minimi dettagli, è incline al pettegolezzo, è completamente acritico, e vive nell’ossessione di comandare un cenacolo che lo riconosca come guida spirituale, come la più ragguardevole zucca in un drappello di cialtroni. Mentre l’ambizione di emergere lo conduce, in pubblico, agli atti più imbarazzanti, la sua vitalità lentamente si logora, e la sua opera di scrittore si traduce rapidamente in un rosario di idiozie. L’illuso vive nella rete ma aspira alla carta: si trova, perciò, in una condizione di perenne disagio, mescolato ad un popolo che disprezza e allettato da un’aristocrazia che non lo riceverà mai, per il semplice motivo che non esiste (se non in una fervida immaginazione). Eppure l’illuso, che a conti fatti è un banale arrampicatore, è una figura essenziale per il progresso della rete, un male necessario, e non il peggiore. La sua straordinaria proliferazione fa sì che l’ingenuo e lo sprovveduto non debbano perdere molto tempo ad identificarlo, per poi turare le orecchie contro le sue chiacchiere, e seguire fiduciosi un’altra strada: andare letteralmente dall’altra parte. L’arrivista, il nostro illuso, è un segnavia che non va ignorato, ma che va letto alla rovescia.

# Pubblicato da Roquentin in letteratura ~ 28.04.05 05:52 permalink