Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201714

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
La scrittura in rete: una introduzione

C’è un pregiudizio la cui popolarità è del tutto equivoca, ed è contenuto nell’affermazione che la scrittura in rete abbia una specificità propria, un differenziale stilistico o semantico rispetto alla scrittura su carta. Lo strumento o il substrato non hanno mai avuto un tale peso, per quanto ne so, nella storia della letteratura. Che questa forma di fanatismo possa riferirsi a tutto ciò che è scrittura, e non solo alla letteratura, è una questione di nessun interesse: posto che sia già risolto in anticipo il problema di individuare la letteratura in un’epoca in cui gli scaffali delle librerie contengono più immondizia delle discariche, di certo la scrittura in rete, nell’attimo sciagurato in cui si confronta con la cosiddetta scrittura altra, non fa riferimento alla lista della spesa o all’elenco telefonico di Abbiategrasso. Solo un minimalismo completamente frainteso, e acriticamente divulgato come l’unica forma possibile, come lo specchio incrinato del postmoderno, ha potuto includere nella letteratura ogni futile spargimento di inchiostro. Assumiamo che la questione sia risolta, che ci sia un criterio minimo per distinguere tutto ciò che, non essendo letteratura, faccia uso ugualmente di parole e di concetti: resta irrisolto il mistero della scrittura in rete e delle sue speciali virtù. In cosa è differente il substrato? L’uso di un computer non condiziona alcunché, naturalmente, giacché quasi nessun autore si diletta come amanuense, e i manoscritti sono consegnati all’editore in formato digitale. La novità sarebbe il tempo reale, nella moderna cornice di una comunicazione che procede su ritmi forsennati: in una sola bestemmia, le interconnessioni (se vi fosse un tribunale per gli abusi nei confronti della lingua italiana, almeno metà della popolazione dei blogger verrebbe falcidiata). A lume di ragione, c’è qualche bel guadagno per i giornalisti e nessuno per gli scrittori.
A parte alcuni commoventi tentativi di scrittura collettiva e alcune stravaganti competizioni tra fracassoni impenitenti, la scrittura era e resta un’impresa asociale, una fatica nella più arida solitudine, e infine un gesto politico. L’illusione che si possa pensare assieme e scrivere assieme genera mostri pubblicamente adulati e socialmente acconci. Di fronte alla comune frustrazione di non essere scrittori, una comune menzogna placa la mortificazione, e infine la generale indulgenza di questa umanità delusa dalla penna compie il miracolo: si inventano nuove parole per nuovi statuti, si spaccia la confusione mentale per codice di comunicazione, si formulano nuove teorie critiche allo scopo di convalidare sedicenti letterati e di conferire loro un’autorità che valga come patentino di cacasentenze: si dice di tutto, si scrive di tutto, e alla fine dei lavori si espone con generosità l’etichetta letteratura in calce ai fogli più insulsi.

# Pubblicato da Roquentin in letteratura ~ 07.04.05 23:35 permalink