Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1312201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
il Lohengrin di Abbado, e quello di... Herzog

Mentre ascolto le note del Lohengrin diretto da Claudio Abbado, in edicola a prezzo stracciato con Repubblica, non posso fare a meno di apprezzarne l'estrema pulizia e pienezza sonora, ma contemporaneamente avverto già dal Preludio un senso di perdita di sacralità. L'approccio di Abbado è molto lineare e volto, forse, a togliere una patina di misticismo (e magari compiacimento direttoriale) a molte delle grandi opere che affronta nei primi anni 90. Penso, per esempio, al Pelléas et Melisande di Debussy inciso proprio nel 1992, come la presente opera. Ma un semplice confronto tra il Vorspiel di Abbado ed, ad esempio, quello della sfortunata (per la fase calante di René Kollo, altrimenti grande interprete, e vicissitudini di incisione) versione di Karajan per EMI, restituisce pienamente la diversità delle possibili letture, col differente uso di ritenuto e crescendo nel portare l'ascoltatore al climax della seconda parte.
E' comunque un Lohengrin da avere, supportato da qualità tecniche non indifferenti, tra tutte quelle dei cantanti nei ruoli principali.

Quando penso a Lohengrin ultimamente non mi schiodo da una visione estiva, quella della regia 1990 di Werner Herzog a Bayereuth. La produzione, UNITEL, non si trova se non attraverso il circuito di SkyClassica (leggi: aspettare che la passino sul famoso canale 728); oppure in CD per la philips, sotto la bacchetta di Peter Schneider (in attesa di ristampa). Raffrontando con i pensieri dell'amico amfortas, wagneriano sin dal nickname! che vi dice praticamente tutto sullo svolgimento ed esprime il giudizio per cui l'opera è la più "accessibile" o "facile" del compositore, potremmo dire che Herzog cerca proprio di sfatare questa visione, di scavare in una psicologia apparentemente favolistica, facile.

E nell'impianto oleografico della scenografia, con larghissimi e desolati spazi, e condizioni climatiche o meteorologiche che spesso assumono la funzione di temperatura umana (la terra fiorisce durante l'idillio, nevica quando l'amore non esiste o viene sconfitto), è soprattutto la gestualità dei protagonisti ad essere oggetto di indagine da parte del regista. Il cavaliere del cigno misura i suoi movimenti anche in combattimento, a rappresentare una dimensione aliena rispetto alle passioni umane, incarnate dalle due gigantesche protagoniste dell'opera, Elsa ed Ortruda (magistralmente interpretate da Cheryl Studer, che trovate anche nella versione abbadiana, e da una perfetta Gabriele Schnaut). Esse incarnano aspetti opposti di uno stesso esistere terreno, preso che sia dalla passione che distrugge se stessa oppure dal risentimento che si avvicina quasi incantato al suo oggetto. Rispetto alla iconografia tradizionale, Herzog avvicina molto queste figure tra loro, come testimoni di umanità: memorabile il finale, in cui per pochi secondi le due figure (normalmente, quando cala la tela, separate e sfinite dalla compiuta metabolé della vicenda) si avvicinano su un piano orizzontale, tendendo le mani l'una verso l'altra michelangiolescamente, per raggiungere una distanza ambivalente: modica eppure fissa, esistente. Il cavaliere eterno e costante è ormai lontano e incompatibile con questo mondo umano, uguale e diverso, che si riavvolge su se stesso.
Un'ottima prova teatrale del grande regista, del quale continuo ad ammirare il feeling wagneriano, dopo il famoso Lektionen im Finisterris, documentario che abbina in maniera sconvolgente le pagine sinfoniche delle opere di Wagner alla visione aerea della prima catastrofe irachena, coi pozzi petroliferi dati alle fiamme.

# Pubblicato da bobregular in musica ~ 06.04.05 11:58 permalink