Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1712201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
bibliotecarie americane: carriera solo per le brutte?

Troppo bella per lavorare. Si potrebbe sintetizzare così l'incredibile vicenda di Desiree Goodwin, 38 anni, afroamericana, bibliotecaria all'università di Harvard. Oggi l'epilogo:Desiree ha perso la causa intentata alla famosa università, accusata di averle bloccato la carriera giudicandola troppo bella e sexy. Un giudice federale ha respinto la tesi che aveva avviato l'azione legale, dopo che le richieste di promozioni di Desiree erano state ignorate sedici volte, per essere invece concesse a persone meno qualificate di lei, almeno secondo la donna. La bella bibliotecaria, laureata alla Cornell University, è ben qualificata per il suo lavoro: ha conseguito due Master, uno in letteratura inglese e uno in scienza bibliotecaria. Ma non è bastato. La Goodwin afferma di essere stata informata dai suoi superiori di indossare «abiti troppo sexy» sul lavoro e di essere «troppo bella» per essere promossa. La donna è sicura che dietro a questi «complimenti» ci sia discriminazione razziale: le sue colleghe bianche si vestono in modo molto vario, alcune con abiti ugualmente sexy, ma senza essere soggette alle stesse critiche. Il giudice perà non si è fatto convincere: forse Desiree è troppo bella anche per la giustizia americana?
sul Corsera

# Pubblicato da romanzieri in biblioteche ~ 05.04.05 18:27 permalink