Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1712201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Salvatore di Giacomo, Lassammo fa' Dio

Salvatore Di Giacomo nacque a Napoli il 12 marzo 1860. Appassionato fin dalla giovinezza allo scrivere venne indirizzato dalla famiglia agli studi scientifici e bravamente frequentò con profitto i primi tre anni della Facoltà di Medicina. Poi un giorno di ottobre del 1886 abbandonò l'aula durante una lezione ed iniziò a lavorare al Corriere del Mattino curando la parte letteraria. Dal Corriere passò al Pro Patria e da questo alla Gazzetta. Come giornalista si distinse soprattutto scrivendo liriche, novelle e drammi. La sua forma, musicale e pittorica insieme, è ammirevole per sobrietà e curatissima in ogni particolare, segnatamente nelle opere in dialetto napoletano; e, quando fine nell'arte, altrettanto aborrente dalla letteratura, dall'enfasi, dagli effetti, da tutto ciò, insomma, che è facile e comune. Passò gli ultimi anni come bibliotecario della Nazionale di Napoli. Vecchio e malato fu nominato Accademico d'Italia nel 1929. Morì a Napoli nella primavera del 1934. Alcune sue liriche furono musicate e divennere fomosissime canzoni quali: Quanno sponta la luna a Marechiare o La luna nova nmez'a lu mare.



Lassammo fa' Dio

'A dummeneca 'e Pasca
d' 'o mille e noveciento, 'o Pateterno
(ca s'è susuto sempe 'int' e primm'ore)
di buonissimo umore
se scetaie mmerz' 'e sette,
fece chiammà san Pietro e lle dicette:
- Pie', siente, stammatina
è na bella iurnata
e ll' aria è fina fina:
vurria fa na scappata
'n Terra... Che te ne pare?
- Mah! - dicette san Pietro - (santo napulitano e,
mparaviso, capo guardapurtone)
-Mah... Lei siete il padrone!
Vulite vedè 'a Terra? E fate pure...
Però....... vedete... francamente, 'a Terra
è nu poco afflittiva.
V'avesse disgustà?...
- Ma che! Che dici!
Su, vèstiti! Scendiamo...
Dove ci fermeremo? Dove andiamo?...
Napoli!... Che? Ti pare?
- Eh! Sissignore:
se dice: Vide Napule e po' muore!
E senza perder tempo, llà ppe llà,
San Pietro se vestette comilfò:
nu pantalone inglese a quadrigliè,
nu gilè (comm' 'o pòrteno 'e cocò)
tutto piselli verdi in campo blu,
cappiello a tubbo, cravatta a rabà,
scicco stiffelio di color rapè,
e un piccolo bastone di bambù.
-Sto bene? -Elegantone!...
Andiamo dunque! - E ghiammo...
Quanto mme piglio 'e guante... -
Ed in un batterdocchio eccoli a Napoli,
in mezzo piazza Dante.
'O Patre Eterno vutaie li' uocchie attuorno,
scanzaie nu tramme, se mettette 'a lente,
e proprio come un semprice murtale,
(ma però con accendo forastiero)
dice: - Sai, caro, ma l' è mica male
questa vostra città! Mi fa piacere
assai di rivederla:
ci mancavo dal secolo passato...
Ma proprio ha molto, molto migliorato!
La statua qui davante
cosa l' è? L' Aligherio?...
- No - dicette san Pietro - Questo è Dante.
Grand' uomo... E questa sulla mano destra
è la famosa chiesa 'e San Michele:
quello è il Liceo Vittorio Emmanuele:
più sopra c' è il Museo. Questo, rimpetto,
è il caffè di Diodati.
Ce vulimmo assettà diece minute?
- Entriamo pure -. E 'o Signore trasette
in quelle belle sale ornamentate,
e san Pietro dicette al cammariere:
- Favorite due mezze limonate.
Erano 'e ddiece e mmeza
e 'a iurnata era bella. A mille a mille
passiaveno 'e ggente
pe mmiez' 'a strata e ncopp' 'e marciappiede;
e vedive mmiscate
femmene, uommene, grosse e piccirille
nutricce, serve, prìevete e surdate
Oh, qual vista gentile!
(dicette 'o Pateterno
pusanno o' cucchiarino).
Ma com' è che si dice,
caro quel mio Pierino,
che la Terra è infelice?
Ma guarda, guarda un po' che movimento,
che scena pittoresca e che allegria!
Via, son proprio contento...
Be'?... Pietro?... E parla, vecchio brontolone!
Non sei della mia stessa opinione?
Sì - rispunnette 'o viecchio -. e opera vosta
è certamente tutta chesta ccà:
certo: chi 'o ppo' negà?
Però... Vi siete presa 'a limunata?...
-SI, ho finito... - Embè, usciamo.
Signori, a tutti!... - Buona passeggiata!
-Dunque dicevi? - E c' aggia di'?... Guardate!
Tenite mente attuorno... Che bedite?
Che ve pare?... Dicite.
'A carità
Dio guardaie - spaventato. Mmiez' 'a strata,
stuorte, struppie, cecate, giuvene e bichicchiarielle,

guagliune senza scarpe,
vicchiarelle appuiate a 'e bastunciel!e,
scartellate, malate,
e ciert' uocchie arrussute
chine 'e lacreme - e mane
secche, aperte, stennute...
-'A carità!...
Sta voce
e voce a centenara
sentette, 'a tutte parte,
disperate, strellà:
e quase lle parette
dint' a n' eco e 'a luntano,
sentì 'o stesso lamiento....
- 'A carità...
Cu na resella amara,
e allisciannose 'a barba a franciscana,
San Pietro suspiraie: -Nun c'è che fa'!...
Mo nu' ve frasturnate, sentite a me:
mo iammuncenno 'a ccà:
piuttosto quando siamo in Paraviso
se pe riparlerà...
-Come?... Non ho capito... -
'O Patre Eterno
capuzziava, parlava isso sulo,
teneva mente in aria... Tutto nzieme
fece segno c' 'a mano. E nu lenzulo
scendette sulla Terra lentamente,
lo stendettero a terra in piazza Dante
nu centenaro d' angele
tutte vestute 'e velo
nce ammuntunaino, dinto, 'e puverielle,
e s' 'e purtaino 'ncielo...

A Mappata
Figurateve nu poco
sta mappata ca pe li' aria
ogne tanto s' abbuffava,
se sbuffava - e viaggiava
ncopp ''o viento - chiena 'e strille,
chiena 'e ggente - Cchiù de mille!
Figurateve nu poco che nzalata e c' ammuina!
Chi chiagneva, chi rereva,
chi alluccava: « I' mo mm' affoco! »
Chi Cantava - chi chiammava:
-Neh, Totò!... - Peppì!... -Giova'!...
Donn' Aniè! - Don Ferdinà...,
-Mo addo' iammo?...- E ba nce o spia!...
-Chi s' 'a fatta 'a pippa mia?...
-Prufesso'!... -Pronto... - Addo' state?
-Sto cchiù ncoppa... - A voi! Sapete,
abbarate addo' sputate...
-Ma che ghiammo 'int' 'o pallone...
-Pe', tenisse nu muzzone?...
-Bu! bu! bu!...-Chi è?.. Passa llà!...
-Nun buttà!... -Sode cu 'e mmane!
-Neh, chiammateve a stu cane... »
Appena miso pede mparaviso
Il' angele mmiez' a Il' erba 'e na vallata
se fermaino mparanza
e pusaino 'a mappata,
ca pe dduie tre minute se muvette,
ruciuliaie pe terra e, tutto nzieme,
s' arapette essa stessa. E se sentette
'a voce 'e n' ommo ca diceva a li' ate:
- Uscite, miei signo', simmo arrivate!...

A tavuliata.
Mmiez' a nu scampagnato, addo' nasceva
vicino a viuletta a margarita,
ncopp' a Il' èvera corta, ca luceva
comm ''o velluto nfuso,
quatto tavule, pronte
e apparicchiate a Il' uso
d' 'e meglie risturà,
pareva ca dicessero: - Venite!
Favurite a mangià!... -
E che ce steva esposto! 'A meglia carne,
'o meglio pesce, 'e frutte cchiù assurtite,
cchiù gentile e cchiù ffine:
'a mela, 'a pera, 'o fenucchiello, 'a fava,
'a nanassa, 'o mellone,
Il' uva, 'e nnoce, 'e bbanane, 'e mandarine,
e tutto 'o bbene 'e Dio fore staggione.
Vine paisane, e vine mbuttigliate
col sùvero d' argento e l' etichetta,
liquori delle frabbiche premiate,
curassò, strega, cùmmel e anisetta:
e in mezzo a questi (pe fa na surpresa
a quacche puveriello furastiero)
preffino il vischisodo a marca inglesa!
Avite ntiso maie
Miseria e nubilta'.
Ve ricurdate quanno Sciosciammocca
e chili' ati stracciune,
con l' acquolina in bocca
guardano ncopp' 'a tavula 'e mangià
chella bella zuppiera 'e maccarune?
dico altro.Pe quase mez'ora
Ato nun se sentette
(mmiez'a tutta sta gente
ca mangiava, bbeveva,
e sciglieva a piacere)
ca 'o ru mmore d' 'e piatte e d ' 'e furchette'
e 'o drì ndrì d' 'e buttiglie e d' 'e bicchiere..
E all'urdemo d' 'o pranzo
(nu poco fatto a vino)
s'aizaie nu cecato
'e na trentina d'anne.
Doie tre vote tussette,
s' adderezzaie, sputaie, fece n'inchino,
e stu brinnese, a voce auta, facette:

'O brinnese.
Cumpagne e care amice! Premmettete
c' a stu bello signore,
ca nce ha fatto l' onore
'e ce mmita' cca' ncoppa
a bèvere e a mangia',
io gli rivolgio nella sua presenza,
come attestato di ricanoscenza,
quatto parole p' 'o ringrazià!
Grazie, grazie, signo' ! ... Grazie! Vv' 'o dico
a nomme 'e tutte chiste sfurtunate,
ca se so' saziate,
e ca p' 'a primma vota,
senza stennere 'a mano,
mmiez a lì' aria addurosa 'e stu ciardino
hanno pruvato 'o broro, 'a carne, o vino!...
Ccellenza! E cumpatite sti pparole,
ca so' napulitane
e nun so' ttaliane
comrne ve mmeretate!
Io nun aggio pututo stunà!
Nun me pozzo applicà!...
Guardate!... Io nun ce veco! 'A che so' nnato
io nun beco a nnisciuno!...
So' cecato, guardate... So' cecato !
Ccellenza, e che piatà!... -
'A voce ile mancaie. Chiagneva...
'A mano ca teneva 'o bicchiere
s' acalaie chiano chiano
e 'o pusaie ncopp' 'a tavula. Isso stesso
vino 'o fosse risturbato,
se chiaie lentamente mt' 'e ddenocchie,
e, cadenno assettato e abbandunato,
fissaie dint' 'o bbacante 'o gghianco 'e ll'uocchie...

Nonnanonna.
-Oi suonno, Suonno!...
Suonno, ca te ne parte 'a ll' uriente,
e nun t' abbence prencepe o rignante,
oi Suonno, e vienetenne lentamente,
e, mponta 'e pede, férmete ccà nnante...
E, si si' piatuso e si' putente,
stienne sta mano, e adduorme a tuttuquante...
Vienece, suonno!...
Te manna San Giuseppe 'a Bettalemme,
e, sotto 'a porta, chi te mmosta a via
cu nu ramo 'e viole, è 'a Vergene Maria...
(E chi te chiamma ccà, Suonno, tu 'o ssaie,
so' chille ca cuntente
nun se scetano maie...).
Vienece Suonno!.
tu nchiudele Il' uocchie doce doce,
cornm ''e nchiudiste a Giesù Cristo ncroce...)
'O Suonno s' accustaie... Ma n' ombra nera
Ile cammenava appriesso,
n' ombra longa e liggiera,
- c' appena isso 'a vedette e se fermaie-
s' acalaie, Il' afferraie,
s' 'o strignette int' 'e bbracce forte forte
e, cu nu filo 'e voce, lle dicette: « Vattenne!
Famme passà. So' 'a Morte... »
-E mo che dice?... - dicette a San Pietro
'o Patre Eterno - Guarda!
Nun è meglio accussì? Tutta sta gente,
tumentata e nnucente
ncopp' 'a Terra che turnava a fa?.
Doppo n' ora felice c' ha passata,
guarda, è passata 'int' 'a l' eternità...
-Là!... Guardate!... Là... là!...-c' a mano stesa
e trattenenno 'o sciato,
san Pietro lle mmustaie ca quaccheduno
ch' era rummaso aizato
mo se vutava attuorno - e se muveva...
-Là!... Na femmena!...
E chella,
comme fosse mpazzuta,
cammenava, curreva,
nciampecava e cadeva,
e s'alzava... E fuieva...
Chiammatela! Addo' va?!...
-Zitto... - dicette 'o Padre Eterno -Zitto...
Lass' 'a fa... lassa 'a fa..'.
Cade 'a cielo, 'a mammarella,
puverella, puverella...
Curreva, fuieva
pe nnanz''e cumpagne passanno,
(ca nun se muvevano cchiù)
sperduta, - abbeluta,
chiagnen no, tremmanno,
mpauruta, sbattuta,
curreva, curreva 'int' a ll' ombre
e dint' 'o silenzio d' 'a sera,
Nannina 'a pezzente...
E, senza sapè cchiù addo ieva
curreva, curreva...
Nfi a che - tutto nzième -
Uh Dio!... se sentette
manca' sott' 'e piede 'o tterreno.
E 'a cielo cadette...
Scinne, scinne, puverella
ca - 'int' 'a notte chiena 'e stelle -
na palomma e notte pare
cu nu triemmolo 'int' 'e scelle..
Scinne nterra, palummella,
passa 'e monte, passa 'o mare,
vola, sciulia, scinne... Va,
ll' aria è 'a toia. Te porta 'o viento
si te stracque e t' abbandune
Quanta miglie staie facenno?
Nu minuto e nne faie ciento -
e quant' ate, p' arrivà!...
Ma mo luceno, 'a luntano,
luceluce a mmeliune...
E so' lume... E 'a luna, 'a luna
gia' fa 'o mare nnargentà...
Scinne - scinne... Si' arrivata...
Guarda... 'A 'i'lla... Napule! 'A 'i' llà!...
Marnmarè, ringrazia Dio...
Nanninella 'a pezzente
guardaie ccà, guardaie lIa', s' urizziintaie,
e truvaie finalmente
'a via d' 'a casa soia.
Sunava Il' una
a Sant' Eliggio. E dint' 'o vico scuro
sciuliava ncopp' 'o muro
nu raggio 'e luna.
- Ninno!
Ninno!
Sto ccà!... Mamma è turnata!...-
E 'a porta, mez' aperta e meza nchiusa,
e nu vascio vuttaie cu na spallata.
Trasette 'e furia. Currette addò steva
nu piccerillo dint' a nu spurtone...
s' acalaie... Chillo povero guaglione,
c' appena appena teneva nu mese,
sennuzziava, cu 'e manelle stese...
Lassammo fa' Dio...
Nanninella 'a pezzente
ll' arravugliaie dint' a nu sciallo viecchio,
s' 'o pigliaie mbraccia - s' 'o strignette mpietto,
e dint' 'o chiaro 'e luna,
e asciuttannose lì' uocchie a 'o mantesino,
lle dette latte e - s' 'addurmette nzino.

# Pubblicato da romanzieri in curiosità ~ 12.03.05 15:22 permalink