Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1612201706

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Cuore Sacro, di Ferzan Ozpetek

Il nuovo film di Ozpetek, rispetto a ciò che ci si aspettava, è tutt'altro, perché sposta i suoi interessi su un livello più profondo, rendendolo la sua opera più ambiziosa. Nonostante ciò, non abbandona le sue storie di riscoperta del sè-emotivo, costruendo ancora il plot su un incontro-chiave e sulle sue conseguenze.

La sceneggiatura è molto bella e curata, ed è basata su una dicotomia molto chiara ed esplicita, quella tra i "due cuori": la casa vecchia e quella nuova, la follia intransigente e il calcolo monetario, "il denaro e i ricordi". Storia di un processo religioso interiore, sorta di cammino francescano al femminile (anche iconograficamente).

Intriso di una religiosità calda e particolarmente sentita, ricco di momenti toccanti e alcune ottime trovate registiche (giustificate - come il piano sequenza dell'ospedale - o non - alcuni balletti intorno ai personaggi), il film risente però di quei momenti in cui l'autore esagera (probabilmente perché ne sente la necessità, come i già citati riferimenti iconografici), oppure di quelli in cui all'opposto, si rinchiude nel disinteresse e in un briciolo di noia.

Il finale è un coup de theatre, ma dei più attesi: non giunge come un ribaltamento inaspettato, bensì come una strada su cui dirigerci nel bivio tra follia ed esaurimento, e una vena di santità insita in Irene come in tutti noi, nel nostro cuore sacro. Come un sogno da cui farci trasportare, insomma, magari durante i titoli di coda (le solite, non c'è che dire, belle musiche di Andrea Guerra), ma forse preferivamo decidere noi che percorso prendere, e quel volto su quel quadro è molto suggestivo ma taglia in due l'emozione lasciando l'amaro in bocca.

Comunque splendido il cast, senza di cui il film forse crollerebbe prima (o più facilmente), e che riconferma le doti di direttore d'attori di Ozpetek: grandissime le due zie Lisa Gastoni ed Erika Blanc come rappresentazione vivente del tema del film, mentre la bellissima protagonista Barbora Bobulova dà un'altra grande prova d'attrice: il suo "monologo" chinata accanto all'albero mette i brividi, e nella scena della conferenza (un po' facilona) la sua interpretazione è perfetta.

Ma è la giovanissima Camille Dugay Comencini la trovata migliore, perché buca semplicemente lo schermo, regalandoci forse il personaggio più bello, o più istintivamente bello, del cinema di Ozpetek, giocandosela con quello splendido guardo triste di Massimo Girotti nella Finestra di fronte (e non è la sola affinità tra i due). E forse ci fa arrabbiare che le cose vadano come vadano, perché sospettiamo un pizzico di malizia sadica negli intenti di Ozpetek: speriamo di sbagliarci.

# Pubblicato da giovanecinefilo in visioni ~ 10.03.05 14:12 permalink