Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1712201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Ci lascia il poeta Mario Luzi

luzi.jpg
Nato a Firenze nel 1914, si è spento stamattina il poeta e senatore a vita Mario Luzi. Considerato il padre dell'ermetismo e tra i maggiori poeti italiani contemporanei, Luzi si laureò in letteratura francese a Firenze, dove insegnò fin dagli anni '50. Il suo esordio letterario avvenne negli anni '30, come collaboratore delle riviste letterarie Frontespizio e Campo di Marte. Sono quelli gli anni in cui il poeta frequenta altri poeti che si rifanno all'ermetismo: Bigonciari, Parronchi e Bo, in primis.
Alle prime raccolte poetiche: la barca (1935) e Avvento notturno (1940), ne seguono molte altre: Un brindisi (1946), Quaderno gotico (1947), Primizie del deserto (1952), Onore del vero (1957), Il giusto della vita (1960) comprendente tutte le poesie composte fino a quell'anno, Nel magma (1963), Dal fondo delle campagne (1965), Su fondamenti invisibili (1971), Al fuoco della controversia (1978), Per il battesimo dei nostri frammenti (1985), Frasi e incisi di un canto salutare (1990), Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini (1994). Tema dominante della sua poetica è il problematico confronto tra individuo e cosmo, tra tempo e eternità.
Domina invece il tema della religiosità nei numerosi testi teatrali: Il libro di Ipazia (1978), Rosales (1983), Hystrio (1987), Corale della città di Palermo per santa Rosalia (1989), Il purgatorio (1990), Pontormo (1995), Io, Paolo, la Commediante (1992), e Cenere e ardori (1997).
Meno noto, ma di grande profondità il Luzi traduttore e saggista: "L'inferno e il limbo" (1949), "Studio su Mallarmé " (1959), "L'idea simbolista" (1959), "Tutto in questione" (1965), "Vicissitudine e forma" (1974), "Discorso naturale" (1984).
Da pochi mesi il poeta era stato nominato Senatore a vita della Repubblica.

Per ricordarne la poesia, niente sembra più adatto alla notizia della sua morte, che la poesia Ridotto a me stesso?, tratta dalla raccolta Al fuoco della controversia:

Ridotto a me stesso?
Morto l'interlocutore?
O morto io,
l'altro su di me
padrone del campo, l'altro,
universo, parificatore...
o no,
niente di questo:
il silenzio raggiante
dell'amore pieno,
della piena incarnazione
anticipato da un lampo? -
penso
se è pensare questo
e non opera di sonno
nella pausa solare

del tumulto di adesso...

# Pubblicato da romanzieri in notizie ~ 28.02.05 14:06 permalink