Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1612201710

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Gasparo Gozzi, Il topo di città e il topo di campagna

Nato a Venezia nel 1713, Gasparo Gozzi fu sempre afflitto, come il fratello Carlo, da grandi problemi economici. Con la prima moglie, la poetessa Luisa Bergalli, dovette tuffarsi in faticose e spesso sfortunate imprese editoriali, riducendosi a tradurre su commissione Plauto, Longo Sofista, Luciano, Molière e Klopstock. Più aperto ai nuovi fermenti culturali rispetto al fratello, fu estimatore di Goldoni e scrittore e poeta satirico. Il suo esordio fu nel 1752 con la raccolta Lettere serie, facete, capricciose, strane e quasi bestiali.
Scrisse per anni su La gazzetta veneta, Il mondo morale, e L'Osservatore veneto. Dove trovò la misura di un linguaggio nitido e leggero, ironico e preciso, che tratteggiava la cronaca veneta del tempo. Gasparo morì a Padova nel 1786.



Gasparo Gozzi
Il topo di città e il topo di campagna


Un sorcio, che in città facea sua vita,
vide un dì il cielo placido e lucente.
Questo ad uscire e a passeggiar l'invita
alla campagna ed a fuggir la gente.

E mentre in parte ombrosa e assai romita
si gode, e nulla fuor che l'aura sente,
con passo onesto e faccia assai tranquilla
gli venne incontro un topolin di villa.

Con somma cortesia fan le abbracciate,
diconsi ben venuto e ben trovato:
fin che il sorcio di villa disse: - Entrate
meco in un bucolin da questo lato:

certo vogl'io che un bocconcel mangiate,
e siate del cammino ristorato. -
Così gli dice, e seco il conducea
nel bucolin che per albergo avea.

Quivi il povero sorcio contadino
con noci e poma e pere ed altre frutte
fàgli accoglienza come a un suo cugino
ma perde le fatiche e l'opre tutte;

poi che al sorcio gentile cittadino
paion quelle vivande vili e brutte;
nessuna di sé degna tien che sia,
onde le assaggia sol per cortesia.

E su 'l partirsi con gentil parlare
dissegli: - Amico, deh! Fammi un piacere
io t'attendo doman meco a pranzare:
sto nel tal loco: addio: viemmi a vedere. -
Vassene; e l'altro, che solea mangiare
spesso radici e gli parea godere,
ritrova il cittadino a grande onore
star nella guardaroba d'un signore.

La casa ivi parea dell'abbondanza:
cacio, prosciutti, salsicce e salami,
olio e butirro v'è sì che n'avanza,
roba per mille seti e mille fami.
E' ricevuto con gentil creanza;
e perché a suo piacer mangi e si sfami,
tosto senza aspettar desco o tovaglia,
assalgon tutti e due la vettovaglia.

Ma una gatta miagolar si sente,
onde si credon morti e rovinati:
fuggono tosto, e cascan lor dal dente
i cibi saporiti e delicati.
Passato il rischio vanno incontinente
alla lor mensa, ed eccogli assettati:
ma ecco un cuoco apre la serratura
e si rimpiattan pieni di paura.

La terza volta tornano a sedere:
la terza volta ancor credon morire,
perch'entra nella stanza uno staffiere
che gli fa dalla tavola fuggire.
Tornan la quarta e speran di godere;
ma una femminetta ecco venire,
onde di su e giù vengono e vanno,
con sospetto ogni volta e con affanno.

Il sorcio villanel, che ognora visse
felicemente e cheto nella sua campagna,
e cupidigia o tema non l'afflisse,
e vede or morte ogni boccon che magna,
prese licenza e in tal guisa gli disse:
- la tua gran mensa il cor non mi guadagna.
Ti dico il vero: a me, fratel, non piace
tanta abbondanza e non aver mai pace.

# Pubblicato da romanzieri in curiosità ~ 21.02.05 10:05 permalink