Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1612201710

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Prigionieri di guerra all'ascolto di Proust

Marcel Proust morì di asma nervosa. La sua, è stato più volte osservato, è l'opera di un malato. Un malato particolarmente lucido e irresponsabile, se è vero che, mentre i medici si dichiaravano impotenti dinanzi alla sofferenza che «gli consumava l'aria» e la vita, lui ne abusava senza alcuna parsimonia, piegandola, con deliberata noncuranza, al servizio della propria scrittura e della propria coincidente, sempre prossima, rovina. L'asma e la paura di soffocare - entrate, secondo l'espressione di Walter Benjamin, definitivamente nell'arte o, ipotesi non meno suggestiva, dall'arte create e rigettate nella vita - avrebbero modellato la sua sintassi, determinato la struttura e il ritmo di una frase che, a detta di taluni critici, suonava «così poco francese» da apparire quasi sospetta. Per contrasto con il tipico stile d'Oltralpe, dove brevità e chiarezza erano doti irrinunciabili, vi fu chi individuò un'ascendenza tedesca nei tratti di un'articolazione espressiva talmente complessa da prolungare «il periodo ben oltre la durata di un respiro umano». Ma i grandi libri, da sempre, avrebbe puntualizzato Proust in una chiosa di Contro Sainte-Beuve, «sono scritti come in una lingua straniera», e «sotto ogni parola ognuno mette il proprio senso, o la propria immagine, che è spesso un controsenso», salvo poi ricordare che «nei bei libri, tutti i controsensi in cui si cade sono belli». Per Henri Ghéon, la pacata ricercatezza che da questo ritmo deriva, «fatale col suo piegarsi sui dettagli infinitesimali registrati dalla memoria», non di meno manifesta una vitalità straordinaria e una spontaneità mai spenta. La frase proustiana, segnata dal «buon uso» della malattia, proseguiva Ghéon nel saggio su Swann pubblicato, nel gennaio del 1914, dalla «Nouvelle revue française», trova ragione e scopo della propria esistenza nella capacità di «raccogliere il maggior numero possibile di oggetti, gettando una sorta di rete, che può estendersi all'infinito e che poggia sul fondo oceanico del passato»... su Il Manifesto

# Pubblicato da romanzieri in curiosità ~ 10.02.05 15:16 permalink