Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1812201719

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Web, libertà sulla parola

«Se ti cerco con Google, cosa trovo?», chiede sistematicamente la cacciatrice di nuove tendenze (cool hunter) Cayce Pollard ai suoi interlocutori, nell'ultimo romanzo di William Gibson, L'Accademia dei sogni (Mondadori 2004), il primo ambientato non più nel futuro del cyberspazio, ma nel presente di Internet. Come a dire, il cyberspazio c'è già, e siamo noi. E il grado di visibilità del nostro nome digitato da un estraneo sul più famoso e gettonato dei motori di ricerca è già un indicatore plausibile della popolarità di un singolo, di un prodotto, di un concetto. Gli angloamericani hanno già coniato il verbo, to google. Lo scambio di battute che Gibson mette in bocca a Cayce per molti ventenni e trentenni non ha nulla di strano. Il virtuale intrattiene ormai una trama fluida e produttiva di rapporti col reale, si è reificato, o realizzato. Fa parte delle nostre interazioni quotidiane col mondo. Internet è percepita da molti come una miniera di informazioni sempre costantemente disponibili, a portata di mano. Senza dubbio questa è stata una delle chiavi del successo della Rete, e certi discorsi sull'attendibilità dei contenuti reperibili nel web sembrano già acqua passata. Ma lo sono veramente? Davvero il filtro non è più (anche) esterno ma (solo) interno al soggetto che dialoga con la Rete? Quello che è certo è che ogni giorno dobbiamo ricordare che sta a noi, e solo a noi, decifrare la plausibilità delle informazioni che ci arrivano dai media. Internet, a differenza della tv, non costruisce una fiction di plausibilità. Tuttavia, l'apparente immensità della Rete, il suo proporsi come nuova borgesiana Biblioteca, porta a volte a dimenticare, come accade di fronte ai più grandiosi manufatti, che un giorno sono stati costruiti. Qualcuno ha fatto, banalmente, data-entry. La produzione dei testi, al cuore del processo, sembra scomparire dalla catena di montaggio, risucchiata nella categoria di «ciò che esiste» (da sempre?).
Al contrario è proprio sulla produzione di testi, individuale e collettiva, che c'è da attirare l'attenzione. Soprattutto sulla seconda... su Il Manifesto

# Pubblicato da staff in interventi ~ 21.01.05 10:29 permalink