Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Ottobre 2006
domlunmarmergiovensab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
archivi
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1512201712

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Storie corsare

Il 22 febbraio 1803 John MacNamara salì sul patibolo a Londra, accusato di aver preso parte a una vasta cospirazione per abbattere la monarchia inglese e instaurare la repubblica. Si trovò accanto Edward Marcus Despard, un ufficiale dell'esercito accusato di aver tirato le fila quella cospirazione. Dopo un rapido sguardo rivolto al boia, MacNamara si girò verso Despard e gli disse: «ho paura, colonnello, che ci siamo cacciati in una brutta situazione». Raccontano i giornali dell'epoca che Despard così gli rispose: «ce ne sono di migliori, e qualcuna peggiore». Si girò poi verso il boia, e al momento di infilare la testa nel cappio gli disse: «fa molto freddo, credo che avremo pioggia». Il colonnello Despard sapeva di che cosa parlava: aveva imparato a leggere i segni del tempo in lunghi anni di navigazione. In Giamaica, una delle maggiori società schiaviste del mondo, e poi in Nicaragua (dove aveva combattuto con Lord Nelson, il futuro eroe di Trafalgar), e nel Belize, aveva visto con i suoi occhi situazioni peggiori di quella in cui egli stesso si era cacciato, finendo sul patibolo. Nato e cresciuto nell'Irlanda devastata dalle carestie e dal colonialismo inglese, Despard si era arruolato giovanissimo nell'esercito, e aveva partecipato all'epopea della costruzione dello «Stato marittimo» britannico. Una biografia non certo straordinaria, per l'epoca: ma con il passare del tempo, lo sguardo del colonnello aveva cominciato a distrarsi dai fasti dell'impero e dell'accumulazione capitalistica su scala atlantica. Aveva cominciato a fissarsi su altre storie: la resistenza degli schiavi e le comunità dei maroons (gli schiavi fuggiaschi), la solidarietà tra i marinai e le forme di organizzazione comunitaria degli indigeni.
Quando tornò a Londra, nel 1790, portò con sé, oltre alla moglie Catherine, un'afroamericana, la memoria dello sfruttamento e delle lotte all'interno del movimento abolizionista, tra i lavoratori e i proletari che avrebbero dovuto rappresentare la base del moto insurrezionale del 1803. La portò anche sul patibolo, dove proruppe nel vibrante appello alla libertà della «razza umana» che pronunciò prima dell'esecuzione, una vera e propria eresia in anni in cui i confini dell'impero stavano cominciando a essere cementati da ideologie razziste. E infatti lo sceriffo lo interruppe precipitosamente, mettendolo in guardia dall'usare «un linguaggio così incendiario»... su Il Manifesto

# Pubblicato da staff in notizie ~ 20.12.04 10:19 permalink