Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1212201718

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
I 40 anni di Poesia in forma di rosa

In Poesia in forma di rosa (Garzanti, Milano 1964) i temi sono quasi sempre personali: sia perché riguardano viaggi ed esperienze dell’individuo Pier Paolo Pasolini sia perché i viaggi e le esperienze del singolo non possono fare a meno dell’incontro (amichevole, sensuale, sessuale, professionale) con altre persone. Il libro è quindi carico di nomi di altri uomini.

E’ anche esteticamente ‘sporco’, soprattutto perché non mostra un vero e proprio asse tematico e sembra estraneo ad ogni progetto che non sia quello «di opere future» (molte, perché scrivere molto non è solo opera narcisistica, ma di passione; sono necessari interi libri e interi film per dire tutto). E’ opera di montaggio, come il cinema, anche se, a differenza del cinema, non può riprodurre «corpo e voce» degli altri; e se è così, all’assenza di un tema, deve far fronte la presenza di una storia, perciò, automaticamente, di uno o più uomini. In Poesia in forma di rosa Pasolini è, insieme, l’io narrante e l’io di cui si narra. La «disperata vitalità» dell’uomo e la «vita furente [o nolente] [o morente]», che è «la mia vera passione», non sono veri e propri argomenti, ma le condizioni perché ci sia, umanamente, storia. Il libro testimonia i rapporti e il fallimento dei rapporti, in modi disarmanti, al limite (scelto e voluto) della non-poesia, della riduzione al parlato (ma un parlato nobilissimo):

E, da qui, il Quarto Dolore,
per cui succube degli impeti di morte
che mi salgono dal ventre, batterei
il capo, muto, contro i vetri

del tassì che percorre
l'orribile autostrada dove è chiaro
che sono senza amore, mentre, barbaro
o miseramente borghese, il mondo è pieno,
pieno d'amore...
(Poesia in forma di rosa)


A che può servirti
un coetaneo - semplicemente intristito
nella magrezza che gli divora la carne?
Ciò ch'egli ha dato ha dato, il resto
è arida pietà.
(Frammento epistolare, al ragazzo Codignola)

# Pubblicato da Massimo Sannelli in interventi ~ 29.09.04 01:04 permalink aggiungi un commento