Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Maggio 2006
domlunmarmergiovensab
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1612201710

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Da Diderot lezioni di laica ironia

Epicentri di una mobilità intellettuale vivace e contagiosa, svaghi edificanti o fiere campionarie dello spirito che dir si vogliano, i festival rappresentano una nuova forma di «organizzazione della cultura» che, da Mantova a Modena, sembra aggregare un volume sempre maggiore di consensi. Indipendentemente dal giudizio di merito che ciascuno ne può dare, queste manifestazioni danno quindi corpo a un fattore politico di primo rilievo che ci spinge a riconoscere nel loro corredo cromosomico l'impronta di quel programma illuminista del quale restaurano, evidentemente, i sogni e le ambiguità. La pubblicazione dell'Album iconografico e del volume dei Contes et romans di Denis Diderot, del quale l'editore Gallimard ha così inteso celebrare i duecentoventi anni della morte, è un ottimo pretesto per rileggere quei sogni e quelle ambiguità da un punto di vista interno, per quanto eccentrico. Denis Diderot è la prima persona alla quale un Rousseau in evidente stato confusionale confida di voler partecipare al concorso dell'Accademia di Digione che sarà all'origine del Discorso sulle scienze e sulle arti del 1750. Sulla strada che abitualmente percorre a piedi per fare visita all'amico detenuto nel castello di Vincennes, Rousseau ha appena letto il bando pubblicato dal Mercure de France che dovrà cambiare tutta la sua vita e fornirgli le chiavi di un «nuovo universo». Un universo nel quale al progresso tecnico e al consumo culturale non corrispondono più lo sviluppo e la coesione degli individui, ma la corruzione e l'indolenza, l'uso del linguaggio come strumento di dominio e lo sfruttamento della ricerca come dispositivo di omologazione... su Il Manifesto

# Pubblicato da staff in editori ~ 21.09.04 11:17 permalink 1 commento