Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201705

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
la macchia sul corpo
Diversi mesi fa Mauro Covacich scrisse un pezzo sull'Espresso in cui denunciava alcuni limiti della narrativa italiana rispetto in particolare a quella angloamericana, che suscitò un ampio e vivace dibattito (qui ne avevo parlato io, e qua trovate un lungo articolo al riguardo del critico Antonio Spadaro). La faccenda mi è tornata in mente oggi leggendo una recensione che gravitava intorno alla medesima questione, ovvero certi vizi della letteratura italica e certe virtù di quella in lingua inglese. Una recensione bella e illuminante, che può essere letta come una dimostrazione, nel concreto di un'esperienza di lettura, della validità delle argomentazioni di Covacich. Ed è anche significativo che questa recensione io non l'abbia letta su un importante quotidiano o una blasonata rivista letteraria, bensì su un blog. Giusto per sottolineare che la distinzione tra critici e lettori è diventata oggi assai meno netta di quanto siamo abituati a pensare, che il pensiero critico è ormai tracimato dagli alvei tradizionali e circola e fluisce liberamente anche in altri ambiti di cui dovremo imparare a tenere conto. Comunque, la recensione in questione (una doppia critica di Corpo di Scarpa e La macchia umana di Roth), la trovate qui, su un blog chiamato Io e Palmasco (che tra l'altro non avrei probabilmente mai scoperto se non ci fosse stato The Filter, l'ultimo esperimento di blogging collaborativo di Guru Granieri, sempre sia lodato).

[Da Marsilio Black]
# Pubblicato da Jacopo in interventi ~ 25.07.04 16:32 permalink aggiungi un commento