Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Dicembre 2005
domlunmarmergiovensab
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
2407201415

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Anton Checov, Uno scherzetto

È un limpido mezzogiorno invernale… Il freddo è tanto intenso e secco che i riccioli di Nadja, che mi tiene a braccetto, si coprono di brina argentea sulle tempie e una leggera peluria sembra spuntarle sul labbro superiore… Io e Naden’ka siamo in cima a un’altura elevata. Dai nostri piedi giù fino alla base si stende un declivio ghiacciato, sul quale il sole, civettuolo, si riflette come in uno specchio. Vicino a noi c’è una piccola slitta coperta di un panno rosso vivo.
– Fate questa discesa, Nadezˇda Petrovna! – prego Naden’ka. – Una volta soltanto! Vi assicuro che ne usciremo sani e salvi.
Ma Naden’ka non è coraggiosa. L’intera distanza che va dalle sue piccole calosce orlate d’agnello fino alla base dell’altura ghiacciata le appare come un precipizio terribile e straordinariamente profondo. Al solo guardare giù si perde d’animo e le si blocca il respiro; se poi si azzarderà a lanciarsi nel precipizio sulla fragile navicella che è la slitta, allora probabilmente morirà o, quanto meno, ne uscirà pazza. E tuttavia, egregi signori, le donne sono capaci di sacrifici. E questo io sono pronto a giurarlo mille volte, sia pure davanti a un tribunale o davanti all’autore del recente libro Le donne. Alla fin fine, a rischio della vita, Naden’ka cede alle mie suppliche. La faccio sedere pallida e tremante sulla slitta, le abbraccio stretta la vita e insieme a lei mi precipito nel baratro.
La slitta vola come un proiettile, a rotta di collo… Fende l’aria che batte in viso, mugghia e fischia nelle orecchie, prende accanitamente per le falde e quasi cerca di strappare la testa dalle spalle. Per la pressione del vento non si ha la forza di respirare… Sembra che un diavolo ci abbia afferrato entrambi con le sue zampe e con un ruggito ci trascini all’inferno… Gli oggetti tutto intorno si fondono in un’unica striscia che si allunga e corre a precipizio…
Su Il Domenicale

# Pubblicato da romanzieri in risorse web ~ 05.07.04 23:27 permalink 1 commento