Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1812201707

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
La Roma di Stendhal, tra realtà e sogno

Stendhal arriva a Roma per la prima volta nel 1802, in occasione della discesa di Napoleone in Italia; vi si recherà però come turista solo nel 1811. La città all`inizio non gli piace: nel Journal d`Italie, diario di viaggio scritto intorno a quell`anno, le dedica appena 13 pagine contro le 66 che impiega a descrivere Milano o le 26 per Napoli. Lo scrittore francese viene da Milano, Firenze, Bologna, ed ha ancora negli occhi i loro panorami naturali e le loro bellezze artistiche; già durante il viaggio di avvicinamento a Roma la vista della campagna laziale lo ha deluso: "Il territorio è collinoso, insignificante". Porta del Popolo, attraverso la quale si entra in città, "non ha nulla di notevole"; Ponte Milvio "è grazioso ma stretto". I brutti banchi di legno che si trovano al Quirinale, sebbene ostentino orgogliosamente lo stemma papale, sarebbero stimati in un`asta di Parigi non più di 10 - 12 franchi. La visita a San Pietro lo lascia indifferente; solo la visione notturna del Colosseo illuminato dal chiaro di luna lo commuove. In Rome, Naples et Florence, nuovo diario di viaggio scritto tra il 1817 e il 1818, la sua penna non è meno pungente: "I pedanti, che trovavano nella Roma moderna l`occasione di sfoggiare il loro latino, ci hanno persuaso che essa è bella: ecco il segreto della reputazione della Città Eterna...Regna per le strade di Roma un tanfo di cavoli marci. Attraverso le belle finestre dei palazzi del Corso si scorge la povertà degli interni". Roma in realtà è un agglomerato di sublimi rovine e di brutte chiese e case moderne; sarebbe stato meglio se non fosse sopravvissuta alla fine dell`età antica, se si fosse trasformata in un deserto popolato solo dai resti dei suoi monumenti, come avvenne ad altre grandi capitali; la conversione al cristianesimo ha segnato l`inizio della sua decadenza. Della patria di Cicerone, Cesare e Virgilio rimangono solo le spoglie esteriori; il suo spirito è morto per sempre e sono i preti e le superstizioni cristiane che l`hanno ucciso...
Renata Procacci su pspedizioni

# Pubblicato da staff in risorse web ~ 21.06.04 13:31 permalink aggiungi un commento