Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1801201803

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
A Napoli l'editoria femminile è un po' troppo maschile

Una mostra, un progetto di ricerca, un convegno internazionale di studi di genere: sono i tre momenti clou di un’iniziativa dal titolo «A Napoli una stanza tutta per noi» dedicata all’editoria femminile. La stanza cui si riferisce il titolo dell’incontro è quella cui alludeva la scrittrice Virginia Woolf, «usata» nei mesi scorsi come «logo» di una ben congegnata rassegna dallo stesso titolo, dedicata alle scritture femminili, che si è tenuta alla libreria Guida Merliani. E, anche in quest’ultimo caso, «la stanza» serve ad alludere al luogo ideale in cui le donne editrici possono confrontarsi.
Per tre giorni, dunque, da domani alle 11 a domenica, all’Accademia del Mediterraneo in via Depretis 130, le rappresentanti delle principali case editrici italiane e docenti nelle Università dei Paesi del Mediterraneo si confronteranno su diverse tematiche, relative all’universo femminile, grazie a un’iniziativa della Federico II sostenuta da Provincia, Commissione Pari opportunità, Polo delle Scienze umane e sociali, Fondazione Laboratorio Mediterraneo, dottorato in studi di genere.
[...]
Ma non mancano le polemiche: «Stupisce leggere, nel programma ”le editrici si raccontano”, che l’elenco delle editrici è in gran parte maschile, oltre che casuale e con diverse assenze ingiustificate», denuncia Nietta Caridei delle edizioni D’If che non sarà presente perché contattata, dice, frettolosamente e in ritardo. «L’esclusione di una casa editrice come la D’If - continua Caridei -, a cui è ormai riconosciuto il carattere sperimentale e di ricerca, al di là del legittimo sconcerto e irritazione dell’editrice, rivela a mio avviso la natura approssimativa, pasticciata, ad personam di un’iniziativa che, pur impegnando danaro pubblico, si è presa la responsabilità di decidere chi nella “stanza” ci deve stare e chi no. Un vero peccato, per una bella occasione perduta».
Su Il Mattino, l'articolo completo

# Pubblicato da staff in notizie ~ 17.06.04 12:52 permalink aggiungi un commento