Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1712201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Tra Arte e Mercato
Tramite I Miserabili, che ne riporta un'ampia sintesi, arrivo su Rai Educational a questo dibattito di estremo interesse tra Gian Arturo Ferrari, Direttore generale della Divisione libri di Mondadori, e lo scrittore Vincenzo Cerami. Il tema è l'editoria e, pur non entrando in aperto contrasto, si può dire che il dirigente editoriale difende le ragioni del Mercato, mentre lo scrittore si fa paladino delle ragioni dell'Arte. Io devo dire che ho trovato cose condivisibili nelle argomentazioni di entrambi. Vi cito un paio di estratti particolarmente significativi:

Ferrari: "alla cultura italiana non piacciono i libri che piacciono al pubblico, ciò che piace al pubblico è ritenuto brutto, cattivo, un prodotto di per se stesso di seconda categoria, di cattiva qualità, facente parte della cultura di massa... La cultura italiana non ama i gusti della gente comune. Poi si arrabbia, perché la gente comune non ama la cultura italiana. Abraham Lincoln diceva: 'Dio deve amare molto la gente comune, visto che ne fa tanta'. Ecco, questo motto è proprio il contrario di quanto ispira gran parte delle analisi sulla cultura italiana."

Cerami: "I migliori editori sanno che producono beni di consumo diretti non al corpo, ma all'anima delle persone, e che, così come si può prendere la malattia della mucca pazza mangiando la carne sbagliata, si può prendere anche nell'anima una malattia della mucca pazza."

Insomma, tra Arte e Mercato, mi ritrovo a parteggiare contemporaneamente per entrambi. Sarò io che ho qualcosa che non va, oppure c'è un modo di fare editoria conciliando le buone ragioni dell'uno e dell'altra?

Ps: c'è anche qualcosa sui rapporti tra nuove tecnologie e editoria, ma lì mi pare che la consapevolezza e la comprensione della portata dei processi in atto siano ancora insufficienti.

[Da Marsilio Black]
# Pubblicato da Jacopo in interventi ~ 09.06.04 18:17 permalink 2 commenti