Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1312201719

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
No war... dalla parte di Virginia Woolf

Com'è noto, la dichiarata ostilità, anzi, il netto rifiuto della grande autrice inglese nei confronti della guerra si manifesta a più riprese nelle sue scritture.
Già in La camera di Giacobbe - scritto da Woolf nel 1922, dopo anni di faticosa ricerca della propria voce, e dedicato al diletto fratello Thoby, morto nel primo conflitto mondiale - già in questo lavoro è implicita una domanda drammatica quanto, ahimè, sempre più attuale: dove mai conduce una - questa - civiltà guerrafondaia?
Più tardi, nel romanzo che s'intitola La Signora Dalloway ('25), nella figura di Septimius Warren Smith - sorta di alter ego della luminosa Clarissa - prendono corpo le disperate allucinazioni dei reduci - involontaria preda delle forze del caos e della follia, mentre nel successivo Una stanza tutta per sé ('29) gli strali di Virginia si appuntano sia contro i fautori della guerra2 sia contro gli artefici e sostenitori del patriarcato - il quale, si sa, della pratica bellica è il primo responsabile: «Certo, loro avevano il denaro e il potere, ma solo a costo di ospitare in petto un'aquila, un avvoltoio, che rode eternamente fegato e polmoni: l'istinto del possesso, il furore dell'acquisizione, che li spinge perpetuamente a desiderare le terre e i beni degli altri; a creare frontiere e bandiere, corazzate e gas velenoso; a offrire le loro vite e quelle dei loro figli. Passate sotto l'Arco dell'Ammiragliato […] o qualunque altro viale dedicato a trofei e cannoni, e riflettete sul genere di gloria che vi è celebrata»... [Letizia Lanza su Pseudolo]

# Pubblicato da staff in risorse web ~ 18.05.04 09:54 permalink aggiungi un commento