Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Dicembre 2005
domlunmarmergiovensab
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201722

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Un impero in declino
Su Le Monde Diplomatique è stato pubblicato un articolo parecchio interessante (nonostante uno svarione clamoroso riguardante l'Italia) sulla situazione dell'editoria mondiale in vista della prossima Fiera del libro di Francoforte.
L'analisi mette in luce innanzitutto l'incontrastato trionfo planetario dell'imperialismo editoriale angloamericano: mentre in Gran Bretagna solo il tre per cento dei libri pubblicati ogni anno sono traduzioni e in America ancora meno, e da tempo immemorabile un titolo non anglofono non entra in classifica, in paesi come Francia, Spagna, Germania e Italia accade l'esatto contrario: le traduzioni dall'inglese si mangiano fette sempre più grosse del mercato, e non sempre si tratta delle opere letterariamente più meritevoli.
Ma se di impero si tratta, è comunque un impero in via di sgretolamento. Un altro aspetto sottolineato è infatti la crisi generalizzata dell'editoria sia in Europa che oltreoceano (tralasciando i paesi meno sviluppati, per i quali si parla addirittura di "spettacolare declino"): il mercato americano è stagnante quando va bene, e in Europa c'è da tempo un'inarrestabile emorragia delle vendite (per esempio, la Spagna nel 2002 ha emulato l'Italia: meno del 50 per cento della popolazione ha letto un libro nel corso dell'anno).
Ancora una volta a colpire l'attenzione è poi l'anomalia tutta italiana (una tra le tante) del fenomeno dei libri allegati ai giornali, che costituisce una minaccia per librerie e piccoli editori.
Quello che non funziona, secondo l'articolista, è il modello oggi dominante di un'economia editoriale capitalistica, globalizzata e neoliberista che si pretende fondata su "un libero mercato interamente governato dalla domanda" ma forse non lo è poi così tanto, visto che la domanda continua a calare. A questo proposito vale la pena di riportare il commento del blog The Literary Saloon, che osserva: "if the book-market were 'governed entirely by demand' then maybe we could find some of the books we're interested in at out local bookstore (or, indeed, anywhere) - usually we can't."

[Da Marsilio Black]
# Pubblicato da Jacopo in notizie ~ 13.05.04 15:40 permalink 1 commento