Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201722

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Ora sono vuote le strade di Milli Graffi

Angelo Guglielmi su Tuttolibri de La stampa, sabato 8 maggio: ... non c’è scampo alla vita?» si chiede l’autrice. In un’altra parte del libretto scrive:
«La vita ci attraversa scorre attraverso di noi come fa un fiume sulla pianura.. L’unica cosa che conta è di sentire che nella vita ci sei e sentirlo forte che ci sei». E chi, come l’autrice, si lascia trascinare dalla vita accetta (sa) di non poter contare su sponde dove fermarsi (o meglio difendersi), ripari di pensiero dove interrogarsi. Sa che: «La verità resta fuori irraggiungibile».
Milli Graffi è una poetessa e qui (che io sappia) è alla sua prima prova in prosa. Ho l’impressione tuttavia che anche qui continua a fare poesia. Le parole continuano a essere liquide, non gestite (tenute a freno) dall’ordine-disordine del pensiero ma affidate ai salti e la deriva delle sensazioni. Non vogliono convincere e semmai intendono inquietare: il massimo della loro (delle parole) aspirazione è di essere mute. «Si dovrebbe erigere un monumento alla parola muta o almeno dedicargli una via. Ma non è il silenzio che è in giuoco, gran maestro di eleganza e di retorica. È invece il gran urlo atavico il bang della creazione del mondo. La parola parla uscendo da un ossimoro».
Per Milli narrare è ridurre la distanza tra chi scrive e chi legge, è avvicinare il più possibile «una bocca morbida, che parla morbido» a chi ascolta, invitandolo a un ascolto di sussurri e confidenze. Narrare è una questione di intimità, una sorta di discorso intransitivo che dà e non aspetta restituzioni (come la poesia).
Così il lettore non si aspetti di seguire un percorso definito e si prepari a vagabondare con l’autrice in andirivieni tra passato e presente, tra memoria e attualità, dove non accade nulla se non un fitto seguito di impressioni, sentori, forse presagi. Certo c’è la casa della sua infanzia e le strade di Milano ma tanto la casa che le strade sono vuote. L’unica presenza umana è un irriconoscibile uomo con il quale l’autrice ha un appuntamento, che forse ama ma ne ha indietro solo parole di durezza. «Dimmi chiaro che intenzioni hai e cosa vuoi da me?». Parole che cercando troppo frettolosamente un senso finiscono per non averne nessuno.
Così quell’uomo, l’unico personaggio che l’autrice si azzarda a abbozzare, conferendogli qualche consistenza narrativa, viene presto espulso dopo essere servito a prendere le misure al sentimento amoroso (alla vampa che il desiderio accende). Il flusso delle parole riprende a scorrere non più interrotto da presenze disturbanti. E certo quel flusso se non scava solchi sconosciuti sa tuttavia approntare per l’autrice autentici spazi di sincerità.

# Pubblicato da Edizioni D'If in editori ~ 11.05.04 22:58 permalink aggiungi un commento