Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1412201721

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Torquato Tasso: in ebook Aminta e Discorso sulla virtù feminile e donnesca

Figlio del poeta Bernardo, nacque a Sorrento l'11 marzo del 1544 e seguì il padre, costretto all’esilio, attraverso diverse città italiane, Roma, Urbino, Venezia, Padova (dove pubblicò le prime poesie) e Ferrara dove, nel 1565, entrò al servizio del cardinale Luigi d’Este e del duca Alfonso II. Già qualche anno prima, nel 1562, aveva iniziato una seconda attività letteraria componendo il poema cavalleresco "Rinaldo" poi "Discorsi dell’arte poetica" e la favola pastorale "Aminta" che venne rappresentata nel 1573. Nel 1575 terminò la "Gerusalemme liberata" e nello stesso anno cominciarono a rivelarsi i primi sintomi di un grave squilibrio mentale che lo accompagnerà per tutta la vita, con manifestazioni sempre più frequenti di fissazione mentale, di ira e con allucinazioni e manie di persecuzione. Rinchiuso nel convento di Sant’Anna, nonostante l’alternanza tra fasi di turbamento ed altre di lucidità, riuscì a lavorare intensamente componendo rime e dialoghi. Le vicende editoriali della "Gerusalemme liberata", pubblicata in un primo tempo secondo criteri da lui non accettati e le polemiche sul valore del poema, lo addolorarono profondamente: nella polemica intervenne con una equilibrata "Apologia". Liberato iniziò a vagabondare e, giunto a Roma, fu ospite dei fratelli Aldobrandini ai quali dedicò la "Gerusalemme conquistata", un rifacimento della Liberata. Ritiratosi nel monastero di Sant’Onofrio, continuò a comporre fino alla morte sopraggiunta nel 1595.
Nella biblioteca ebook sono disponibili per il libero prelievo:
Aminta
Discorso della virtù feminile e donnesca
Per i fanatici dell'html, invece, c'è una pagina di EdScuola con tutta la Gerusalemme liberata.

# Pubblicato da romanzieri in e-book ~ 11.03.04 18:11 permalink aggiungi un commento