Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Maggio 2006
domlunmarmergiovensab
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1512201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Avanguardia e no [appunti per un intervento non fatto: Firenze, 5 dicembre 2003]

Quello che potrebbe o dovrebbe essere un saggio riposa, in realtà, su una serie di affermazioni abbastanza schematiche, che, isolate, formerebbero un manifesto o una tavola di degnità. Il frammentismo, che per Emanuele Severino è in rapporto diretto con la superspecializzazione del mondo della téchne, può essere letto in un altro modo, forse: “essere folli per essere chiari”, secondo un principio di Pasolini, cioè riprodursi (scrivendo, ecc.) come ci si vede. A questa necessità della follia non sarà estraneo il gusto della provocazione, da parte di chi non ha nulla da difendere. Quelli che seguono sono, ancora una volta, i punti di qualcosa che vorrebbe essere prestato il più possibile all’oralità e allo scambio.


1

Parlando di avanguardia nel 2003 non si può fare a meno di pensare, con grande rispetto, ai 40 anni del Gruppo 63. I suoi meriti sono effettivamente molti: non solo per il ‘ringiovanimento’ culturale, il mito della gita a Chiasso, ecc., ma proprio per i suoi testi migliori.

È chiaro che un gruppo che si autogestisce e autopromuove come gruppo deve riconoscersi più per l’esclusione che per l’inclusione: quindi Pasolini non è avanguardia, anche se parte delle poesie – assolutamente d’avanguardia – di Trasumanar e organizzar saranno scritte pochissimi anni dopo, e pubblicate nel 1971; Amelia Rosselli fiancheggia il gruppo 63 con – si può dire – una reciproca diffidenza e una vera stima, che continuerà, forse con il solo Porta. L’impressione, personalissima, è che le assenze e le diffidenze derivassero non da una polarizzazione tra normalità e rinnovamento, ma dal rifiuto della sensibilità e di un’eccellenza che, nell’understatement di Rosselli, rimaneva eccellenza.

Non è un caso che il dialogo di Rosselli avvenga con Porta, oltre che con Pasolini. Per il fatto semplicissimo che si tratta di poeti per i quali il privato (e l’amore, non esclusivamente il sesso e la sua contemplazione) è voluto come universale e diventa pubblico. La nostra generazione potrebbe dire, invece: il privato è privato, il pubblico è pubblico. Il che è eticamente valido, a patto di possedere strumenti interiori, religiosi o politico-filosofici, per giustificarsi continuamente di fronte a se stessi e al mondo; se si “rima stoltamente” – in termini danteschi –, se si è eticamente superficiali, la specializzazione del pubblico come pubblico e del privato come privato provoca, come minimo, la sterilità e l’irrigidimento in divise e bandiere che non sono migliori delle ‘ideologie’ e dei ‘totalitarismi’ di prima). Guai a trasformare il proprio io in un portatore di totalitarismo ‘minore’, vivendo e scrivendo.

2

È opinione di Sanguineti che nel Novecento esista solo l’avanguardia, la cui tecnica fondamentale è il montaggio (cioè il criterio fondamentale del cinema, e un principio su cui Pasolini ragiona diffusamente, e in modo definitivo per la sistemazione di una poetica, in Empirismo eretico; basti questo per dire come gli schemi non sono mai così assoluti: esistono, anzi, in funzione della loro stessa precarietà). Solo l’avanguardia: il resto non conta, esattamente come non conta l’infanzia nel mondo degli adulti o la vecchiaia nel mondo dei giovani. Se l’avanguardia, da parte di un suo rappresentante, ha l’atteggiamento del giovane sulla difensiva, è il segno che il lavoro continua nel segno dell’esclusione.
La ferocia linguistica e inventiva del primo Sanguineti raggiungeva una potenza extra-ordinaria. Questi testi rimangono come punto di riferimento: ma è ovvio che non sono l’unico punto di riferimento possibile. Non solo: quella ferocia non derivava solo dalle “qualità dei tempi” dell’incipit di Laborintus, ma da una cultura che poteva spingersi nel montaggio perché ne conosceva i materiali in modo non dilettantistico. Se ora Sanguineti nega qualsiasi valore alla poesia dei giovani (e ammette con riserva solo alcuni narratori) è anche come reazione a un ipotetico dilettantismo. Ma è un segno di generalizzazione ultraideologica non pensare che, in qualunque momento, qualcuno potrà fare il salto di Guido, “leggerissimo”, oltre il sepolcro: oltre la casa comune dei morti. Proprio perché i ‘giovani’, di per sé, non esistono, se non anagraficamente.

3

Che cosa unisce molti coetanei diversi per cultura, modo di agire, ecc.? Esattamente il fatto di essere coetanei: cioè una tautologia che è la parodia del Sum qui sum dell’Esodo. È urgente ripensare il tema della generazione, prima che questa specializzazione (che prescinde da valori testuali stretti) diventi dogmatica: considerando che non esistono strade superiori per l’ascolto, e che il pubblico di Sanguineti – in senso commerciale: quello che materialmente acquista i libri di Sanguineti – è grosso modo anche quello che segue (acquista) i libri di Luzi.

Non è sull’irrigidimento che si fonda l’elezione di un pubblico. Chi ha fatto l’esperienza dell’insegnamento della poesia ai bambini sa a quali risultati, anche alti, e umanamente appaganti, si possa arrivare: sempre con nostra meraviglia e spezzando il dogma delle età, modificando solo il nostro linguaggio di insegnanti appena più adulti dei nostri allievi.

# Pubblicato da Massimo Sannelli in interventi ~ 27.12.03 23:01 permalink 1 commento