Romanzieri.com, biblioteca digitale ebook. Oltre 400 TITOLI GRATUITI con un click del mouse
ID
PW
Novembre 2005
domlunmarmergiovensab
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930




ebook prelevati oggi
lettori online
--- ebook
Scarica gratuitamente il software per leggere i nostri ebook
--- ebook
antologica
biblioteche
curiosità
digitalMente
e-book
editori
f.a.q.
filosofia
interventi
letteratura
multilingua
musica
notizie
preistoria
risorse web
sartre100°
visioni
--- ebook
Archivio
oggi
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004
Maggio 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
--- ebook
XML o KLIP
--- ebook
Powered by Movable type
--- ebook
Queste pagine utilizzano il font Georgia, se non lo possiedi scaricalo chiudi
1712201713

ebook

biblioteca ebook a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z tutte
Dino Campana

Sull’onda della lettura dei Canti Orfici ho rivisto un film dell’anno scorso che è la storia dell’incontro appassionato tra Dino Campana e Sibilla Aleramo e che è costruito cronologicamente in base al carteggio tra i due: Un viaggio chiamato amore di Michele Placido.
La narrazione procede su binari paralleli intrecciando la non facile gioventù della Aleramo, vissuta attraverso la follia materna e l'inappagante rapporto con il marito, con la sua attuale passione travolgente per Campana. Una storia d'amore talmente intensa e pervasa dal fuoco della pazzia e della poesia, che si brucerà lasciando i due svuotati.
Campana sarà poi internato, fino alla morte, nel manicomio di Imola e Sibilla Aleramo intratterrà con lui soltanto un rapporto epistolare.
L’avventura poetica di Dino Campana è l’avventura di un irregolare, di un disadatto alle relazioni umane, di un vagabondo che parte continuamente come se l’andare fosse la pace di un’insostenibile irrequietezza, e che scrive come da dentro a un sogno.
La sua scrittura è intrisa degli elementi visionari della notte, del canto, del presagio, del viaggio iniziatico e di purificazione, così cari ai simbolisti. I suoi frammenti si snodano con la struttura e il nitore di un dipinto: piccoli scorci di vicoli lussuriosi, ponti, canali, cieli di stelle mute da interrogare, archi, le “forme scultoree della bellezza”, i fruscii. E ancora, in affinità con la pittura, Campana fa un uso straordinario dei colori che, quasi privati del loro valore descrittivo, accendono i versi di bagliori oro e rosso sangue e poi di bianco, di azzurro, di “verde bizantino” trasognato, di allusione, di simbolo. Come nei sogni.

# Pubblicato da in interventi ~ 15.12.03 22:41 permalink aggiungi un commento