Addio a Mario Geymonat

(18-02-2012 - romanzieri in news.)

Il latinista e filologo classico Mario Geymonat, autore di importanti studi ed edizioni del poeta Virgilio, è morto ieri a Venezia all’età di 71 anni. Professore di letteratura latina all’Università Cà Foscari di Venezia, nell’ambito della filologia classica e della letteratura latina si è occupato in particolare dei problemi interpretativi del testo di Virgilio e collazionando per la prima volta in modo esaustivo i palinsesti di Verona, sulla traduzione latina degli Elementi di Euclide, e di San Gallo, oltre a pubblicare alcuni papiri e facendo una revisione completa dell’edizione critica di Remigio Sabbadini per il Corpus Paravianum (ristampata nel 2008 con una nuova prefazione presso le Edizioni di Storia e Letteratura di Roma). Geymonat ha scritto numerose voci per l’Enciclopedia Virgiliana della Treccani, articoli critici e interpretativi su passi delle Bucoliche, delle Georgiche e dell’Eneide. Si è occupato anche di poesia ellenistica greca e della sua penetrazione nella cultura latina di età cesariana ed augustea, producendo un’edizione degli «Scholia» agli «Alexipharmaca» di Nicandro e articoli su Eratostene, Partenio, Nicandro, Catullo e Valgio Rufo. Nato a Torino nel 1941, fin da giovane, per influenza del padre, il filosofo Ludovico, uno dei maggiori epistemologi italiani del Novecento, Mario Geymonat si è interessato di storia della scienza antica, come testimonia l’importante biografia di uno degli scienziati più originali della storia, «Il Grande Archimede» (Sandro Teti Editore, 2006). Il volume su Archimede è stato insignito del Premio Corrado Alvaro ed è stato tradotto in inglese in edizione americana da Baylor University Press (2010).

nessun commento

Aggiungi un commento