Amanda Knox, guerra tra editori per i diritti sul suo diario dal carcere

(14-02-2012 - romanzieri in news.)

E’ guerra tra le case editrici americane per accaparrarsi i diritti sulle ‘memorie dal carcere’ di Amanda Knox, contro la cui assoluzione proprio oggi c’è stato il ricorso in Cassazione.
Amanda dovrebbe portare a casa almeno 600.000 dollari. Le piu’ importanti case editrici a stelle e strisce – tra cui Simon & Shuster, Random House, Penguin e HarperCollins – si stanno infatti dando battaglia per ottenere i diritti sul libro che racconta i suoi quattro anni dietro le sbarre.
Secondo quanto riportato dal New York Times, l’agente di Amanda Robert Barnett, che ha gia’ negoziato accordi per le memorie di personaggi del calibro di Barack Obama, Bill Clinton e George W. Bush, ha dichiarato che lui e la cliente stanno incontrando editori e agenti pubblicitari.
“Tutti si innamorano di lei”, ha detto un dipendente di una casa editrice dopo aver parlato con la Knox. “E soprattutto – ha aggiunto – tutto il mondo ha parlato di questa vicenda, ma nessuno ha sentito cos’ha da dire Amanda”.

nessun commento

Aggiungi un commento