Enrico Castelnuovo, Nella lotta

(07-10-2009 - romanzieri in news.)

— A rivederci, signora Giulia, a rivederci, Lucilluccia mia — disse il giovine ingegnere Roberto Arconti, stendendo la mano alle due signore Dal Bono, madre e figliuola, ch’entravano in un negozio di mode nella Galleria Vittorio Emanuele a Milano.
La signora Giulia fece una piccola smorfia sentendo il tono di confidenza con cui Roberto salutava la sua ragazza; pure quella smorfia finì in un sorriso, ed ella rispose—Addio, capo scarico,—mentre Lucilla non diceva nulla e si contentava di avvolgere il giovinotto in uno di quegli sguardi, che, a ventidue anni sopratutto, come ne aveva l’Arconti, penetrano fino alle midolle.
Era pur bella, Lucilla. Svelta della persona, con due grandi occhi neri, una bocca e un nasino da statua greca, e dei capelli d’ebano, lucidi, folti, un po’ indocili, che facevano risaltare il candore d’una fronte squisitamente modellata.
Era pur bella e sapeva d’esser tale, e molti glielo avevano detto. Ma nessuno era andato più in là. Era opinione comune ch’ella avrebbe finito collo sposar Roberto Arconti, il quale, del resto, era un partito convenientissimo.
Ufficialmente i due giovani non erano ancora fidanzati…
gutenberg

nessun commento

Aggiungi un commento