Le rovine dell’Università

(13-06-2009 - romanzieri in news.)

Le conseguenze della crisi economica sulla industria culturale sono difficili da quantificare. Da una parte le statistiche descrivono una contrazione della produzione e dei consumi culturali. I cahiers de doléances delle case editrici potrebbero ad esempio riempire un’enciclopedia. Ma quegli stessi dati segnalano che di fronte all’alternativa tra un prodotto culturale e uno no, la scelta va al libro, almeno tra chi entra in libreria. Più semplice, invece, è addentrarci nel funzionamento in quella particolare «fabbrica del sapere» che è l’università. Qui i dati sono più semplici da decifrare e attestano che la crisi economica ha accentuato l’erosione dei fondi nazionali e statali destinati alla formazione…
Benedetto Vecchi su Il Manifesto

nessun commento

Aggiungi un commento